Baretta (Mef) incontra le donne del gioco: “Garantire il futuro di 150mila lavoratori”

154 0

Da un lato la crisi politica, oltre a quella economica e sanitaria, dalla quale l’Italia cerca di uscirne più ferita che morta. Dall’altro le operatrici del gioco legale, tenaci, instancabili continuano a chiedere in piazza di essere ascoltate perchè possano riaprire le attività chiuse ancora secondo ultimo dpcm per il contenimento dell’epidemia da Covid. Ad incontrare un gruppo di imprenditrici e lavoratrici del gioco lecito, guidate dalla presidente dell’associazione Emi Rebus, Antonia Campanella, il sottosegretario all’Economia, con delega ai giochi, Pier Paolo Baretta, che ha dichiarato (https://www.gioconews.it/politica-generale/66513-baretta-donne-del-gioco-legale-pongono-i-problemi-veri-di-chi-in-questo-settore-lavora): “Un confronto costruttivo, capace di rappresentare in maniera sentita le reali difficoltà di chi in questo settore lavora. Nonostante le incertezze legate all’attuale situazione politica – ha spiegato Baretta -, ho preso l’unico impegno che so di poter mantenere: mi farò portavoce con il nuovo Governo della necessità di dare vita a una riorganizzazione del settore, in grado di garantire il futuro di oltre 150mila lavoratori. Per questo, ritengo fondamentale il ruolo di questo neonato gruppo, perché completa la rappresentanza, facendosi portavoce, in maniera nuova, di un lato troppe volte trascurato: quello dei lavoratori e dei piccoli imprenditori della filiera, soprattutto se donne. In questo momento, la priorità – continua il sottosegretario – è far comprendere che serve una parità di trattamento, né aperture a priori né chiusure a priori, nel rispetto dei protocolli di sicurezza e di contrasto al rischio dell’illegalità. Una battaglia che mi sembra ben presente nell’orizzonte della presidente Campanella e delle sue colleghe”.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *