Celin: “Il Mipaaf si occupi di benessere e tutela del cavallo”

143 0

Benessere e tutela del cavallo prima di ogni cosa. E’ su questo che insiste Sergio Celin, portavoce del Comitato padovano contro il doping e la macellazione dei cavalli da corsa sollecitando una decisa presa di posizione sull’argomento da parte del Mipaaf (http://cifonenews.it/celin-nellippica-i-cavalli-valgono-meno-dei-birilli-da-bowilng/). “E’ purtroppo evidente – scrive Celin alla ministra Bellanova – che ad alcuni proprietari, allevatori, operatori ippici, spettatori, importa poco o nulla dei loro cavalli, dal momento che dopo averli usati, sfruttati e spremuti come limoni, non esitano un solo secondo a disfarsene, quando diventano poco competitivi o un “costo a perdere”! Nel corso degli anni, tutto quello che si poteva escogitare per affossare l’Ippica, è stato messo in pratica dalla politica, abbiamo ridotto molti ippodromi a delle autentiche “cloache” a cielo aperto, in mano alla malavita organizzata, ecc. Gli enti ippici (vedi ex Unire, ecc.) – prosegue Celin – erano affidati nelle mani di personaggi “trombati” politicamente ma che spesso non avevano mai “visto” un cavallo in vita loro, piuttosto che a persone professionalmente preparate e di provenienza ippica! La politica poi, ha sempre avuto vita “facile” in questo, approfittando delle liti continue tra i vari rappresentanti ippici, tutti individualisti per tutelare il proprio “orticello”(ora trasformato in un arido “deserto”….), sempre in polemica tra di loro, inadeguati nella capacità di associarsi, ognuno convinto di avere la “verità” in tasca, quando invece nelle loro tasche c’era solamente tanta “miseria umana”. Invece, se tutti avessero dimostrato più amore verso i cavalli e avessero avuto più gratitudine verso questo meraviglioso animale, che ti regala tutta la sua fatica fino a “morire”, sono convinto che l’ippica diventerebbe il più nobile degli sport! Quanti Cavalli, anche recentemente, sono arrivati alla fine della corsa vincendo, ma morendo subito dopo il traguardo con il cuore “scoppiato”? l’Ippica non sarebbe ridotta ad un cumulo di “macerie”, se solo avessimo avuto maggior riconoscenza, civiltà e buon senso, verso gli interpreti principali di questo sport che sono i Cavalli, che in fin dei conti ci chiedono solo una cosa in cambio: un po’ di rispetto ed una carezza ogni tanto!!Diceva Isaac Asimov: “La violenza e’ l’ultimo rifugio degli incapaci”.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *