Distante (Sapar) invita i futuri consiglieri alla Regione Piemonte a rivedere la legge regionale in materia di gioco “norme che impediscono il libero esercizio d’impresa”

163 0

Distante, presidente Sapar, invita i futuri consiglieri alla Regione Piemonte a rivedere la legge regionale in materia di gioco secondo la quale, prima sono state espulse le slot da bar e tabacchi e, dal 21 maggio, il provvedimento verrà esteso alle sale gioco e scommesse.

In più situazioni Distante ha espresso la propria opinione sul pericolo di collasso dell’intero settore del gioco con la conseguente chiusura di
 piccole e medie imprese del comparto e la perdita di migliaia di posti di lavoro. Inoltre il presidente Sapar insiste sulla difesa del gioco legale ricordando che “gli effetti di tali provvedimenti provocheranno ricadute negative sull’intero settore a beneficio del gioco illegale”. Pare che il Piemonte ne sia un esempio con le sue leggi restrittive. “Ne stiamo avendo maggiore concretezza con le recenti operazioni condotte dalla guardia di finanza attraverso i numerosi sequestri di giochi illegali operati sul territorio regionale. Il nostro vuole essere un appello e un invito a rivedere norme che impediscono il libero esercizio d’impresa e che dall’altra, come evidenziano recenti studi e rapporti scientifici, non hanno alcuna efficacia nel contrasto alle ludopatie. Per queste ragioni – ha concluso Distante – siamo disponibili ad offrire il nostro supporto e la nostra collaborazione pur di giungere ad una intesa condivisa e salvare le imprese dal fallimento e i tanti posti di lavoro in gioco”.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *