Endrizzi contro Giorgetti sugli eSports: “Nessun controllo su gioco d’azzardo. Ma perchè Giorgetti si esprime così grossolanamente sugli eSport?”

269 0

E’ polemica sulle dichiarazioni del ministro Giorgetti circa gli eSport (http://cifonenews.it/esports-giorgetti-i-ragazzi-si-rovinano-il-cervello-a-me-non-sembra-normale/) e la loro capacità di far “rovinare il cervello ai ragazzi“. A condannare fermamente le dichiarazioni di Giorgetti, il senatore del M5S Giovanni Endrizzi: “Nessuno mette in discussione che per un ragazzo uno sport motorio abbia una funzione importante. Ma il ministro Giorgetti dovrebbe spiegare perché in Francia gli eSports sono considerati motore di sviluppo. Dovrebbe spiegare perché una persona con ridotte possibilità motorie non possa praticare sport digitali. Perché non possa farlo in una sala dove socializza con altre persone  e si confronta alla pari con chiunque altro. Si tratta di tecnologie utilizzate nell’addestramento tecnico, nelle simulazioni di volo o di guida o di allenamento strategico in svariati ambiti. È un errore marchiano – aggiunge Endrizzi – mettere tutti i videogiochi in un unico fascio e ancora peggiore non saper distinguere un eSport. Giorgetti è persona fine. Vorrei dunque capire perché parla in modo tanto banalizzante e denigratorio. Giusto verificare che non vi siano rischi nelle attività praticate nelle sale LAN: che non diventino comportamenti compulsivi, ad esempio. Si sta appunto ragionando sulla durata delle sessioni di gioco. Ma perché nulla di tutto ciò viene posto in ipotesi per il gioco d’azzardo? Non ci sono limiti di spesa, né di tempo trascorso a giocare d’azzardo, con filtri di prevenzione al gioco d’azzardo minorile inefficaci: la grande maggioranza dei minori riferisce di non incontrare ostacoli significativi ad azzardare: tanto online, quanto nelle sale scommesse“. E poi la stoccata finale di Endrizzi: “Perché Giorgetti si esprime così grossolanamente? Da ragazzo praticavo spesso i giochi da tavolo in compagnia e anche i primi videogiochi; il che non mi ha impedito di dedicarmi a molti sport di movimento. Tra gli uni e gli altri non mi è rimasto tempo per il gioco d’azzardo… Sarà mica questo il problema?”.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *