eSports all’eliseo. Macron “la Francia sarà il Paese dei videogiochi”.

97 0

Se in Italia si chiudono le sale Lan, la Francia di Macron porta gli eSports all’eliseo. “Grazie al vostro impegno e alle vostre vittorie, avete reso la Francia una grande nazione di eSport. La vostra forza collettiva la mettete al servizio delle cause. Per questi motivi vi rappresento il riconoscimento del nostro Paese. Grazie a voi. Insieme, portiamo gli eSport ancora più in alto!” Così il presidente francese Emmanuel Macron ha salutato la comunità degli eSports nel corso del ricevimento che si è tenuto venerdì 3 giugno.
“Se siete qui è perché abbiamo voluto avere questo gesto di riconoscimento: qui dove riceviamo medagliati olimpici e paralimpici, dopo i giochi, dove riceviamo grandi atleti dopo le gare, grandi eventi e grandi raduni, qui per poter celebrare gli eSport francesi internazionali”. In una recente intervista rilasciata in campagna elettorale, il presidente Macron aveva dichiarato di voler trasformare la Francia nel “Paese dei videogiochi”.

“Ho preso degli impegni, quindi faremo domanda e cercheremo di ottenere alcuni grandi eventi mondiali di eSport. Su questo abbiamo un’opportunità storica: i giochi olimpici del 2024. Sta a noi la responsabilità di stabilire un collegamento tra le Olimpiadi di entrambi i mondi, presentando i più grandi eventi eSports del mondo”.

Macron ha anche parlato del suo desiderio di strutturare gli eSport francesi. ”Si tratta di strutturare gradualmente, e quindi aiutare il tessuto associativo a strutturarsi, sostenere i giovani, sostenere anche i più giovani perché ci sia una disciplina, riuscire a fare questo sport uno sport dove c’è più prevenzione, dove ci prepariamo al meglio proprio come gli atleti olimpici e paralimpici. Dove accompagniamo gli studi sportivi e costruiamo nel tempo il nostro futuro e dove allo stesso tempo, poi, costruiamo vere carriere, poi la riqualificazione. E quindi, questo presuppone, innovazione. In questo abbiamo da imparare da altre federazioni sportive. C’è molto lavoro per supportare le donne e gli uomini che, negli eSport, vogliono continuare a fare.”

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.