Fit e Sts in piazza l’8 maggio a Roma per chiedere più tutele, riduzione dell’aggio sul gioco, blocco di distanziometri e limiti orari

179 0

Per quanto riguarda il gioco pubblico: impedire la riduzione dell’aggio sul gioco, fermare il proibizionismo, promuovere il gioco responsabile attraverso la nostra rete qualificata, bloccare i distanziometri e limiti orari”. Lo chiedono Sts-Fit i sindacati che, insieme ai tabaccai, scenderanno in piazza l’8 maggio a Roma per una manifestazione nazionale.

“L’aria che tira da un po’ di tempo a questa parte è diventata molto pesante – hanno spiegato in una nota – Abbiamo più volte richiamato l’attenzione del mondo politico ed istituzionale per denunciare l’assurda e ormai insostenibile situazione in cui versa la nostra categoria. Da una parte, siamo diligentemente al servizio dello Stato svolgendo servizi per suo conto e, dall’altra, diventiamo il bersaglio facile di politiche troppo spesso miopi e demagogiche. È arrivato il momento di scendere in piazza, di farci sentire compatti ed uniti e di rivendicare non solo il nostro ruolo ma addirittura di preservare la nostra sopravvivenza. Chiediamo alle istituzioni di intervenire sui temi che ci stanno più a cuore, sul gioco pubblico, sul tabacco, sui nuovi prodotti e sulla fiscalità. Chiediamo di farlo in modo che lo Stato, oltre a perseguire i propri obiettivi, garantisca anche la tutela dei nostri diritti. Contiamo sull’adesione e sulla collaborazione di tutti per raggiungere lo scopo, #Salviamoiltabaccaio. Per quanto riguarda il gioco pubblico: impedire la riduzione dell’aggio sul gioco, fermare il proibizionismo, promuovere il gioco responsabile attraverso la nostra rete qualificata, bloccare i distanziometri e limiti orari”. I tabaccai inoltre chiedono di “aumentare l’aggio sui tabacchi, prevedere un aggio più alto per il tabacco di nuova generazione, regolamentare la vendita della cannabis light all’interno della rete dei tabaccai, contrastare efficacemente il contrabbando e le vendite abusive”. Infine, in tema di tassazione e agevolazioni fiscali, Fit ed Sts rivendicano il riconoscimento di crediti di imposta per le proprie attività, la previsione di incentivi fiscali per la moneta elettronica e una tassazione agevolata ai tabaccai (es. flat tax).

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *