Follonica, ippodromo fatiscente e non sicuro.

551 0

Quella dell’ippodromo di Follonica è una delle tante storie di ippodromi italiani fatiscenti, mal tenuti, sull’orlo del fallimento (http://cifonenews.it/capannelle-chiude-i-battenti-e-avvia-le-procedure-di-licenziamento-hippogroup-il-tempo-e-scaduto-e-restituiamo-lippodromo-capannelle-al-campidoglio/, http://cifonenews.it/russo-fi-ippodromo-di-napoli-spaccato-del-nostro-paese-dove-inefficienza-incompetenza-disamore-e-cialtroneria-si-mescolano/). A denunciare la situazione al sindaco Andrea Benini i consiglieri comunali Daniele Pizzichi (Lega) e  Charlie Lynn (Lista civica):

“Che fine hanno fatto gli impegni presi più di un’anno fa dalla società che gestisce la struttura con il Comune di Follonica, come la riapertura della clinica veterinaria? Purtroppo anche nella giornata di ieri si è verificato nuovamente il grave problema dell’assenza di acqua già dopo la seconda corsa per abbeverare e lavare i cavalli.
Purtroppo si tratta di un problema gravissimo che rischia di compromettere la salute degli animali oltre a rendere impossibile anche prelievi di urine ai fini di controlli antidoping (come successo la scorsa settimana). 
Inoltre vi è una scarsa manutenzione degli scarichi dell’acqua nei lavaggi dei cavalli che sono intasati già da tempo”.

Secondo quanto denunciato da Pizzichi e Lynn l’ippodromo di Follonica giacerebbe in un quasi totale stato di degrado che metterebbe a rischio la salute dei cavalli oltre a non rispettare il minimo delle norme di sicurezza. “La totale assenza di controlli all’ingresso delle scuderie (da regolamento ci dovrebbe essere un registro delle presenze con tanto di numero documento, in altri ippodromi senza documento non entri), una scarsa pulizia dei box e dell’intero comparto scuderie e locale spogliatoi. 
Lo stato della pista ancora una volta era ai limiti dell’utilizzabilità per la scarsa manutenzione, per scarsità dei mezzi di lavoro (1 trattore e 2 autobotti per una pista lunga 1400 metri).
Ma soprattutto è una vergogna che le corse siano disputate alle 17 del pomeriggio con temperature elevatissime sopra i 35 gradi, e non in notturna”. E ancora aggiungono i consiglieri: “Abbiamo ascoltato le lamentele e proteste da parte di operatori, driver e veterinari ormai stanchi di trovare un impianto in queste condizioni. 
Nell’ultimo consiglio comunale il consigliere Daniele Pizzichi aveva nuovamente segnalato all’attenzione del sindaco le gravi criticità sopra elencate ma sembra che a questa amministrazione targata Partito Democratico nulla interessi dell’impianto, che ricordiamo essere di proprietà comunale, anzi si pensi che la nuova giunta Benini ha addirittura cancellato la delega all’ippodromo (ricordiamo che anche durante la scorsa legislatura niente è stato fatto per la struttura nonostante i vecchi proclami elettorali). 
Riteniamo che tutto ciò sia inaccettabile – concludono Pizzichi e Lynn – l’amministrazione follonichese deve intervenire attraverso i gestori ed il ministero per dire basta a questa situazione, l’ippodromo di Follonica deve poter sfruttare tutte le potenzialità che ha a disposizione”.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *