“Game Over, crescere nella legalità”, presentata ex sala slot confiscata alla malavita e riqualificata in ‘laboratorio vivente’ contro il Gap

252 0

 dalla nostra inviata – Nell’ambito dell’accordo sottoscritto con il Tribunale di Roma e la Regione Lazio per la realizzazione del programma “Talento e Tenacia – Crescere nella legalità”, l’Asilo Savoia, istituzione pubblica di assistenza e beneficenza, si appresta ad avviare una forma di intervento sperimentale di prevenzione del disturbo da gioco d’azzardo, dedicata in particolare a preadolescenti e adolescenti. L’elaborazione del progetto, per la prima volta in Italia, è legata al sequestro preventivo di una sala slot di Ostia nell’ambito di una nota indagine per associazione a delinquere, usura e ricilcaggio. Allo scopo di riqualificare il bene sequestrato alla malavita, l’IPAB ha acquisito in locazione la società sequestrata lasciando inalterata la sala slot e trasformandola in un “laboratorio vivente” in cui ricostruire e analizzare il contesto dell’azzardo. L’integrazione di attività psicoeducative con testimonianze e simulazioni andrà a costituire un modello di intervento capace di suscitare l’interesse e di rispondere concretamente alle domande e alle reazioni dei beneficiari del percorso.
Per contrastare il crescente coinvolgimento di ragazzi e giovani nel gioco d’azzardo, l’Asilo Savoia proporrà un laboratorio guidato, protetto e scientificamente valido in cui i ragazzi potranno conoscere il fenomeno ed essere aiutati a riconoscere i meccanismi che conducono all’azzardo patologico. Le classi coinvolte verranno immerse in un ambiente ricreato nei minimi dettagli e sperimenteranno “in vivo” gli stimoli che alimentano l’impulso a giocare d’azzardo. In una fase successiva del progetto si andranno a proporre e costruire con i ragazzi giochi pensati per stimolare la creatività e la partecipazione attiva e, negli orari pomeridiani, laboratori artistici-espressivi e iniziative autogestite per favorire la costituzione di gruppi informali di studenti già coinvolti nei percorsi formativi.
Il programma verrà implementato da esperti del settore e si avvarrà della collaborazione di associazioni di consolidata esperienza, istituzioni, mondo accademico e Forze dell’Ordine, che sottoscriveranno un protocollo d’intesa. Il progetto è coerente con le linee guida del Piano sul gioco d’azzardo patologico varato dalla Regione Lazio nel dicembre 2017.
Gli obiettivi del progetto sono, tra gli altri, quelli di contrastare la diffusione del gioco patologico e le nuove forme di dipendenza, informare sulla distribuzione territoriale di mafie e beni a loro confiscati, favorire l’educazione alla legalità, favorire la creazione e il funzionamento di reti di collaborazione sul tema delle dipendenze e della legalità. Durante le fasi di preparazione ed analisi del progetto, verrà definito un gruppo di lavoro e di supervisione, la mappatura delle realtà attive nel territorio sul tema, la stesura dei materiali di comunicazione dell’iniziativa, la finalizzazione dei materiali operatori e delle esperienze formative, la realizzazione delle attività, l’analisi e la creazione di incontri per illustrare i lavori. Nella fase di attuazione, verrà costituita la “Cabina di regia istituzionale” (IPAB – Osservatorio per la Legalità e la Sicurezza della Regione Lazio – Osservatorio sul fenomeno del gioco d’azzardo della Regione Lazio), definizione del Protocollo d’Intesa per adesione al progetto e costituzione rete territoriale con il X Municipio di Roma, presentazione e sensibilizzazione del progetto agli istituti scolastici.  /Fonte Agimeg

21.06.2018

Maria Castellano, Giorn. FreeLance 

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *