“Gaming Industry for Ukraine”: raccolta di fondi globale a sostegno degli ucraini.

184 0

Il mondo del gaming a sostegno dell’Ucraina. Così “Gaming Industry for Ukraine”, una raccolta fondi globale per l’industria del gioco lanciata all’inizio di questo mese per supportare le persone in Ucraina, ha superato l’obiettivo iniziale dei 298.817 euro. L’importo raccolto fino ad oggi è di  £ 251.425, e gli organizzatori  chiedono un’ultimo sforzo  fino alla fine di marzo per generare ulteriori fondi per coloro che sono stati colpiti dall’invasione russa dell’Ucraina.

Il gruppo Betsson rimane il più grande donatore fino ad oggi, avendo impegnato £ 50.000 per l’iniziativa, mentre altri contributi significativi sono arrivati ​​da Spribe OU, Oryx Gaming, Games Global, Microgaming, Funfair Games, Fast Track, FSB, Vixio, Enteractive, OLBG, SBC, Clarion Gaming, Just for the Win e Better Collective. La  campagna  fornirà finanziamenti a Choose Love, un ente di beneficenza che indirizzerà le donazioni a una serie di organizzazioni non governative (ONG) sul campo a sostegno di sforzi puramente umanitari. Choose Love ha finora concesso aiuti a 23 organizzazioni che forniscono aiuti in Ucraina e dintorni. Dall’inizio della campagna, ha impegnato 1,4 milioni di dollari in organizzazioni umanitarie, compresi i soldi raccolti dalla campagna dell’industria dei giochi.

Da altre aziende arrivano interessanti contributi. LiveG24, con sede a Malta, offre a chi vorrà unirsi alla sua squadra aiuti con il visto e per trovare una sistemazione abitativa. Non si richiede esperienza nel settore. Parimatch, la società di scommesse online con sede in Ucraina, ha fatto sapere intanto che continuerà a essere partner della squadra di calcio inglese Chelsea, anche se limiterà le sue attività di marketing con la squadra dopo le misure adottate dal Regno Unito nei confronti del proprietario russo del Chelsea Roman Abramovich per presunti legami con il presidente russo Vladimir Putin. La scorsa settimana sono emerse notizie secondo cui Parimatch avrebbe sospeso o interrotto il suo accordo con il Chelsea. Parimatch aveva stretto la sua partnership con il Chelsea solo nell’agosto 2021, con l’accordo inizialmente previsto fino alla conclusione della campagna 2023-24 . “Parimatch non risolve o sospende il contratto con il Chelsea. Stiamo limitando le nostre campagne di marketing per concentrare tutti i nostri sforzi nell’aiutare l’Ucraina”, hanno fatto sapere dalla società. “Tutta la nostra attuale attività mira a sensibilizzare sulla guerra. Intendiamo utilizzare le risorse disponibili, compresi i sistemi di visualizzazione a LED del club, per promuovere le nostre attività di volontariato e donazioni”. Parimatch ha ritirato le sue operazioni dalla Russia all’inizio di questo mese per rispondere all’invasione, che finora ha causato morti e almeno cinque milioni di rifugiati ucraini. Il governo del Regno Unito dovrà intanto rilasciare una licenza speciale per il completamento della vendita in modo da garantire che Abramovich non riceva nessuno dei proventi. La scadenza per la ricezione delle offerte fisse, con Raine Group con sede negli Stati Uniti che gestiva il processo di vendita, era fissata per venerdì 18 marzo. Attualmente, il club non può vendere biglietti per partite, non può vendere merce (nemmeno online)  e non può né acquistare nuovi giocatori né rinnovare i contratti per il personale attuale. In sostanza, non può spendere o ricevere denaro al di sopra di un limite stabilito dal governo del Regno Unito. (https://www.jamma.tv/primopiano/il-mondo-giochi-a-sostegno-dellucraina-raccolta-fondi-posti-di-lavoro-e-il-ritiro-degli-sponsor-280984)

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *