Gli atleti russi protestano “discriminazione etnica ai danni di russi e biellorussi”

397 0

I rappresentanti degli atleti nel Comitato olimpico russo hanno definito “una discriminazione etnica” la decisione da parte della dirigenza del Cio di escluderli dalle competizioni sportive internazionali. Per tale motivo hanno deciso di non partecipare all’incontro tra la dirigenza del Cio e le commissioni atleti dei comitati olimpici nazionali, “per discutere le raccomandazioni sulla nostra partecipazione alle competizioni internazionali, che sono state precedentemente adottate e rese pubbliche dal CIO”. “Un chiaro segnale – scrivono in una nota – che lo sport internazionale si sta trasformando in uno strumento di giochi politici. È ovvio per noi che tutte le decisioni sono state prese sotto la forte pressione esterna di forze che sono lontane dal comprendere i principi di integrità del movimento olimpico e di non interferenza della politica nello sport – prosegue la nota degli atleti russi – Ora, sono previste delle consultazioni, ma solo dopo che le decisioni sono state prese e persino eseguite. Si scopre che l’opinione degli atleti, la nostra opinione, non ha più importanza”.

Quanto all’incontro CIO-Comitati nazionali, “questo evento si trasformerà in una sorta di ‘discussione aperta’ per compiacere coloro che chiedono semplicemente il ‘linciaggio’ degli atleti russi. Si tratta di ‘un’occasione per rinunciare alla cittadinanza russa’ o di un tentativo di giustificare le restrizioni e le sanzioni ingiustamente imposteci?”. “Ancora più deplorevoli” sono poi definite “le azioni di alcuni dei nostri colleghi atleti dall’estero, che chiedono a gran voce al pubblico in generale ed a tutte le organizzazioni internazionali di vietare semplicemente a russi e bielorussi di partecipare alle competizioni internazionali. È una scusa per eliminare un concorrente con le mani di altri al di fuori dei luoghi di gara, senza una competizione sportiva leale?”.

Sotto accusa anche “alcuni siti web sportivi” che hanno pubblicato “palesi falsi e false informazioni sugli atleti russi e sulla loro posizione, aggravando così la situazione per giustificare le raccomandazioni adottate dal CIO”. E ancora “In questa situazione, la Commissione degli atleti della ROC invita le autorità sportive internazionali ad astenersi dalla politicizzazione dello sport e dal prendere decisioni discriminatorie in relazione agli atleti russi e a garantire uguali diritti a tutti gli atleti di partecipare alle competizioni. Se le violazioni dei diritti e degli interessi legali degli atleti russi continueranno – conclude la nota – saremo pronti a fornire tutta l’assistenza possibile a qualsiasi atleta russo nell’ambito delle procedure legali esistenti e degli strumenti legali disponibili per osservare e attuare i principi di legalità e giustizia, e la lettera della Carta Olimpica”.

La Redazione


    

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *