Hippogroup: “Inaccettabile rifiuto rinnovo del Ccnl”

149 0

“Il contratto nazionale è scaduto da oltre 10 anni ed è assolutamente indispensabile procedere ad aggiornamenti economici e normativi”. Lo denuncia l’assemblea dei lavoratori di Hippogroup, gestore degli ippodromi di Bologna e Cesena, condannando “il rifiuto delle controparti datoriali, Uni Federippodromi, di procedere al rinnovo del Ccnl per i dipendenti delle Società di corse dei cavalli. “Le Società di corse dei cavalli – si legge in una nota – continuano a scaricare la crisi del settore sui lavoratori, che in questi anni hanno visto dimezzati gli organici e aumentato il sovraccarico di lavoro, con utilizzo di contratti inadeguati e/o precari”.

Tutto ciò, secondo quanto riferiscono i sindacati all’esito dell’assemblea, è “inaccettabile, specialmente in strutture che vivono di contributi ministeriali e operano in spazi pubblici concessi dai Comuni”. L’assemblea dei lavoratori, aderendo allo stato di agitazione promosso a livello nazionale da Cgil Cisl e Uil di settore, dichiara, oltre al blocco di tutte le prestazione straordinarie ed aggiuntive, uno sciopero per la giornata del 14 maggio a partire dalle ore 13.00 sino a fine attività corse e uno sciopero per tutta la giornata del 2 giugno.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.