I bitontini a casa proprio non restano e Abbaticchio chiude parchi e villa.

595 0

“Restate a casa. Se volete ve lo chiedo in ginocchio.
E non scherzo (in questo momento Polizia Municipale in azione per i controlli su tutte le attività commerciali). Ma non saranno mai tanti come noi. Siamo noi che possiamo e dobbiamo cambiare” (http://(https://www.facebook.com/MicheleAbbaticchioSindaco/)). Non sa più come chiedere alla cittadinanza di rispettare le regole e rimanere a casa il sindaco di Bitonto (Ba), Michele Abbaticchio. Nonostante un primo caso di Coronavirus accertato (http://cifonenews.it/a-bitontoba-primo-caso-covid-19-80enne-sentitosi-male-in-un-centro-scommesse/), i bitontini a casa proprio non ci vogliono stare e il primo cittadino si è visto costretto a chiudere i parchi pubblici e la villa comunale. Dure le sue parole sul proprio profilo Facebook:

“Io sarei stato molto più severo, ma il nostro Governo cerca comprensibilmente mediazione su tante questioni. Però, visto che qualcuno proprio non vuole capire, nel pieno delle mie facoltà di gestione delle proprietà comunali ho deciso di chiudere tutti i parchi pubblici, ivi compresa la villa comunale.  Forse così è più chiaro il messaggio : o lavorate nei settori che la legge consente da ieri sera, o restate a casa. Proteggendo i bambini e gli anziani. Se a qualcuno non interessa neanche la propria salute, vi comunico che interessa a me la vostra”.  Una misura, quella disposta dal sindaco Abbaticchio, che si aggiunge alle ulteriori restrizioni previste dal Governo per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da covid-19. Intanto, sempre a Bitonto, da ieri un’auto della Polizia locale dotata di altoparlante percorre le strade della città diffondendo un messaggio che invita i cittadini a non uscire di casa, salvo che nei tre casi consentiti dal provvedimento nazionale (http://cifonenews.it/covid-19-litalia-abbassa-le-serrande-aperti-tabacchi-e-edicole/).

La Redazione



Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *