‘Italia delle slot’: a Catania aumento gap del 30%

58 0

“Nonostante a Catania, dal 2016 al 2017, siano diminuiti sia il numero delle slot e di conseguenza le vincite (da 209,37 a 203,96 milioni), la dipendenza dal gioco d’azzardo è aumentata del 30%”. E’ quanto emerso da “Italia delle slot”, l’indagine condotta da Gedi Visual, un triste excursus tra la dipendenza dal gioco d’azzardo che nella città etnea cresce irrefrenabilmente. Secondo i dati (https://catania.liveuniversity.it/2019/11/06/catania-dipendenza-gioco-azzardo-scommesse-slot/) infatti “un giocatore d’azzardo a Catania ha speso in media 1.411 euro nel 2017, paragonabile ad uno stipendio medio. Di conseguenza, secondo l’indagine, nel 2017 sono stati spesi complessivamente 439.94 milioni di euro, di cui 85,07 mln nelle slot machines, 59,60 milioni nei bingo, 118,85 milioni nelle videolotterie e 78,68 milioni nel Lotto.

I dati arrivano dai centro d’ascolto della Caritas Diocesana: tra il 2018 e il 2019, sono diventati numerosi coloro che hanno ammesso che le proprie difficoltà economiche siano dovute agli investimenti nei giochi d’azzardo. Dipendenza più che diffusa in tutta l’Isola: basti pensare che Catania, ottava su 15 città selezionate per dimensione e abitanti, per giocate a persona è terza solamente a Ragusa e Siracusa. È però proprio nel catanese che si registra il record più alto di giocate pro capite: a Misterbianco sono stati infatti registrati circa 1.621 euro giocati nel 2017. Dunque Catania, per l’anno 2017, si va a posizionare 973esima su 7954 comuni presi in considerazione per la ricerca”.

La Redazione


Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *