La Provincia di Cuneo e il progetto per contrastare la ludopatia

455 0

La Provincia di Cuneo si impegna nel contrasto alla ludopatia ed alle sue nefaste conseguenze su giocatori e familiari. Il progetto “Punta su di te 2.0” è indirizzato alla prevenzione e messa in luce del Gioco d’Azzardo Patologico attraverso l’opera sinergica di enti pubblici e privati sparsi nella provincia cuneese.

I soggetti coinvolti

Come in altre realtà fortunatamente già impegnate su tutto il territorio nazionale, l’attività mira a mettere in pratica una valida e completa informazione indispensabile per arginare il fenomeno. La parola chiave è coinvolgimento, sia di soggetti che operano fattivamente e professionalmente nei settori interessati, sia di utenti o semplici elementi stimolati alla comprensione della materia. I previsti momenti formativi rappresentano l’occasione per incrociare dubbi e esperienze comuni, tanto da programmare interventi mirati ottimizzando nel contempo le risorse.

L’esempio di Pianfei

Il “Progetto Benessere” messo in campo dal piccolo comune in provincia di Cuneo, si propone di mettere a conoscenza sui danni causati dal gioco d’azzardo agli utenti e indirettamente agli altri soggetti coinvolti, siano essi parenti o amici. Le serate di incontro programmate spaziano nelle varie tematiche che compongono il circuito del gioco e della dipendenza. Proprio la serata denominata “Non mi gioco la vita”, è iniziata snocciolando dati e cifre sulla incidenza del gioco sul territorio nazionale. Sono poi seguite le preziose informazioni ad interesse delle aree e zone del circondario. Ora più che mai le persone bisognose di aiuto, non solo economico ma soprattutto in termini di cure e sostegno morale, sanno di avere a disposizione tutta una serie di servizi predisposti per la loro patologia.

I sostenitori del programma

L’iniziativa “Punta su di te 2.0” può contare sulla partecipazione di soggetti pubblici e privati indispensabili per la sua attuazioni. Fra tutti la  Fondazione CRC di Cuneo,  i comuni di Cuneo, Savigliano, Saluzzo, Fossano, Alba, Bra e Mondovì, la cooperativa sociale Ro&Ro, l’ASL CN1 e CN2, Libera Cuneo,  la Caritas Diocesana.

Giancarlo PORTIGLIATTI B.

Fonti: https://www.cuneodice.it

 

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *