Lettera a Cirio: “pronti a mordere nel ferro per preservare i posti di lavoro”

148 0

“In questi giorni stiamo subendo l’ennesima mungitura di tassazione, mascherata da intervento che dovrebbe modificare i comportamenti dei giocatori e combattere il Gap, ma siamo all’ennesimo attacco alle nostre professioni e lenta distruzione del settore e dei lavoratori del gioco legale”. è quanto lamenta in una lettera aperta a Cirio, presidente del Piemonte, uno dei 5 mila lavoratori piemontesi del gioco legale, Alberto Bordino.

Quello che più preoccupa gli addetti del settore, oltre al continuo rincaro di tassazione (http://cifonenews.it/no-aumento-iva-e-tasse-sul-lavoro-si-incremento-preu/) è l’aspetto della retroattività della legge regionale sul gioco (http://cifonenews.it/piemonte-il-consiglio-modifichera-la-legge-sul-gioco/). Bordino infatti nella lettera a Cirio chiede “a gran voce a nome di tutti i miei colleghi, un intervento immediato e risolutivo sulla legge regionale 9/2016, almeno sulla norma della retroattività come l’assessore Andrea Tronzano ha ribadito durante l’audizione della seduta congiunta delle commissioni Lavoro e Sanità! Il settore è in ginocchio e viene richiesto di fare ulteriori investimenti, forse non tutti sanno, che cambiare il Preu vuol dire cambiare schede sulle Awp, per cui costo zero per i vari governi, ma investimenti da parte delle aziende”.

“Io sono un dipendente collega di molti dipendenti, vi scongiuro, mettete fine, almeno alla incostituzionale retroattività della L.R. 9/2016, siamo pronti a mordere nel ferro per preservare i posti di lavoro dei miei colleghi di tutte le aziende, ma solo voi avete il vero strumento per porre fine ad una scalcinata legge fatta su dati amplificati e controvertibili, con provvedimenti che poco hanno a che fare con la lotta al Gap, che non si cura con distanziometri, divieto di installare vetrofanie, orari improbabili, che fanno solo ingigantire la velocità del gioco e incattiviscono i giocatori. Ecco, invece, si cura con l’educazione al gioco”.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *