Ludopatico tenta il suicidio nel Tevere. Bloccato dai carabinieri

109 0

Era disperato per aver perso al gioco anche gli ultimi risparmi l’uomo che ha provato a buttarsi nel Tevere da via del Porto Fluviale vicino a Ponte dell’Industria. Ma il 52enne italiano, disoccupato, residente alla Magliana Nuova, è stato salvato dai carabinieri della stazione San Paolo mentre si stava lasciando cadere nel fiume, andando incontro a morte certa. Secondo quanto riporta Leggo “Prima che i componenti della pattuglia lo afferrassero e lo mettessero in salvo sull’autoambulanza, l’aspirante suicida ha urlato: “Sono ludopatico, lasciate che la faccia finita”. 
Un fenomeno, quello dei suicidi causati da problemi legati al gioco d’azzardo, sempre più diffuso. Anzi, accentuato dalla crisi economica post pandemia che ha visto ridurre sul lastrico famiglie intere. Nella Capitale, la giunta guidata dal sindaco Roberto Gualtieri ha mantenuto l’ordinanza che venne emessa dalla sindaca Virginia Raggi, con la quale veniva ridotto l’orario di apertura delle sale giochi, proprio a tutela delle categorie con fragilità economiche.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.