M.Rostan (Leu): “Manovra, alcuna misura concreta contro il Gap”. S.Puglia (M5S)”Abbiamo ereditato un Paese a pezzi”

35 0

La vicepresidente della commissione Affari sociali della Camera, Michela Rostan, non ha dubbi circa la non validità delle misure sul gioco previste dalla nuova legge di Bilancio e chiosa: “La manovra finanziaria non prevede alcuna misura concreta per sostenere la lotta al gioco d’azzardo, una delle piaghe peggiori che affligge il nostro Paese. Nessun sostegno per le campagne di sensibilizzazione; nessun finanziamento per i centri ascolto e per rafforzare il sostegno ai nostri concittadini vittime di azzardo-patia; nessuna misura per ridurre l’offerta di gioco e, tantomeno, per la riduzione dei mini casinò e delle videolottery; nessun provvedimento per il gioco d’azzardo online. Al contrario questo Governo, in continuità con quelli precedenti, continua a sostenere le multinazionali del gioco continuando a consentire ai concessionari, quasi sempre multinazionali estere, di trasformare i nulla osta degli apparecchi di proprietà dei gestori collegate alla loro rete in diritti dei concessionari. In tal modo l’intero comparto del gioco viene affidato nelle mani di pochi che, per di più, non pagano tasse in Italia. L’intrattenimento lascia il passo all’azzardo e 4mila aziende che danno lavoro a migliaia di persone nel settore del divertimento rischiano seriamente di chiudere i battenti. Oltre al danno di vedere moltiplicate le sale da gioco si perdono anche ulteriori posti di lavoro. Una scelta pilatesca che non è assolutamente accettabile e per la quale siamo pronti a dare battaglia”. E se la Rostan non ravvisa alcun cambiamento nelle leggi del nuovo Governo, a pensarla diversamente è il senatore Sergio Puglia (M5S) che,  intervenendo ieri in Aula a Palazzo Madama nella discussione sul decreto Sicurezza, ha dichiarato: “Abbiamo ereditato un Paese a pezzi, ridotto in ginocchio da decenni di politiche sciagurate. In soli cinque mesi di Governo abbiamo lavorato e abbiamo messo mano a tutti i problemi più urgenti, realizzando alcuni dei principali punti del programma del Movimento 5 Stelle”.

E, sempre intervenendo nel dibattito sul decreto Sicurezza, il senatore Ugo Grassi (M5S) ha detto: “Abbiamo ereditato un Paese dove il gioco d’azzardo è ormai una piaga sociale e noi abbiamo adottato provvedimenti contro l’azzardopatia”. Nella stessa occasione ha ricordato che a breve il Parlamento discuterà la “legge di bilancio che contiene innanzitutto i fondi per attuare il reddito di cittadinanza: è una battaglia storica del Movimento, è vero, ma è anche una battaglia di civiltà”. Il decreto Dignità perseguiva gli stessi obiettivi: “abbiamo affrontato il problema del gioco d’azzardo, perché il gioco d’azzardo è una droga che si diffonde proprio nei momenti di crisi, quando i cittadini e le persone vengono private della speranza”.

D. Pellegrino

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *