Match fixing, Calvi (Glms): “L’Ue sblocchi lo stallo sulla convenzione”

344 0

Il presidente della Global Lottery Monitoring System, Ludovico Calvi, è stato una delle parti interessate chiave convocate dall’eurodeputato Bogdan Wenta (Ppe, Polonia) al Parlamento Europeo a Bruxelles per discutere lo status della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla manipolazione delle competizioni sportive(Convenzione di Macolin).

La Convenzione è stata adottata nel 2014 con lo scopo di istituire un sistema internazionale di misure contro il match fixing. Per adottarla a livello dell’Ue è necessaria l’unanimità nel Consiglio. Sebbene abbia il sostegno di quasi tutti gli Stati membri dell’Ue, come si legge in una nota di Glms, l’obiezione di un singolo stato provoca uno stallo. Il presidente di Glms ha appoggiato l’eurodeputatoBogdan Wenda e ha unito la sua voce con il commissario dell’Ue responsabile dello sport, Tibor Navracsics, la segretaria generale del Consiglio d’Europa Gabriella Battaini-Dragoni, nonché le principali parti interessate, incluso il Comitato olimpico internazionale, la Uefa e l’Interpol, chiedendo un tempestivo superamento dello stallo attuale.
Il presidente di Glms ha sottolineato che la Convenzione è il primo testo internazionale giuridicamente vincolante a esistere nella lotta contro le manipolazioni delle competizioni sportive, che copre tutte le questioni rilevanti per l’argomento. “La Convenzione non è esclusivamente legata alle scommesse ma copre tutti i tipi di manipolazioni che influiscono sulle competizioni sportive, che vanno dal campo d’azione al di là della sede sportiva, dagli atleti e dal personale di supporto ai criminali non legati allo sport”.

Sottolineando che tutte le disposizioni della Convenzione sono ben fondate e pienamente in linea con il diritto dell’Ue, Ludovico Calvi ha ricordato che le misure contro le scommesse sportive illegali sono necessarie per l’efficace attuazione di tutte le disposizioni della Convenzione. “La Convenzione entrerà presto in vigore comunque – afferma – dato che presto ci saranno più stati fuori dall’Europa che ratificheranno. L’entrata in vigore attiverà il comitato di controllo che ha responsabilità concrete per formulare raccomandazioni riguardanti le misure da adottare e gli Stati membri dell’Ue potrebbero trovarsi al di fuori di tale comitato”.
Dopo la conclusione dell’evento il presidente di Glms dichiara: “Desidero ringraziare calorosamente l’eurodeputato Bogdan Wenta per questa importante iniziativa, che ha riunito diversi importanti parti interessate per discutere di un tema così rilevante. Glms, essendo in prima linea nella lotta contro le manipolazioni delle competizioni, riunendo membri provenienti da tutto il mondo, sollecita la tempestiva entrata in vigore della Convenzione. Glms e i suoi membri hanno appoggiato appieno la Convenzione e stanno già attivamente sostenendo gli Stati con l’attuazione delle sue disposizioni attraverso la loro partecipazione attiva al Progetto del Consiglio d’Europa Keep crime out of Sport”.
(Fonte: Gioconews.it) A. Bargelloni

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *