Montecatini Terme: scritte no vax sui muri dell’dell’ippodromo/hub vaccinale

214 0

L’ippodromo Sesana di Montecatini Terme, gestito da Snaitech, e trasformatosi in hub vaccinale è stato vandalizzato con scritte no vax sui muri. Le scritte, tutte di colore rosso, sono state vergate sui muri perimetrali della struttura e l’annesso parcheggio e riportano frasi come: “Green pass=nazismo”, “Il governo mente”, “Salva tuo figlio”, “No vax per libertà e diritti” e un logo con una doppia V all’interno di un cerchio. Dure le parole di condanna del sindaco di Montecatini Terme, Baroncini: “Ancora una volta atti vandalici incivili e vergognosi da condannare duramente. Danneggiare un patrimonio pubblico o privato è un gesto da delinquenti e da scellerati. L’area è piena di telecamere, quindi spero sia possibile individuare i responsabili così che possano risponderne e pagare i danni. Solidarietà a Snaitech, alla Società della salute, ad Asl a tutti i medici, infermieri e volontari che prestano invece un servizio encomiabile alla popolazione e che la mattina meriterebbero di trovarsi un mazzo di fiori e non scritte idiote. Ci tengo solo a evidenziare che la stragrande maggioranza dei cittadini, e anche la stragrande maggioranza di coloro che non condividono le scelte del Governo, sono persone per bene lontani anni luce da certe azioni. I responsabili invece debbono essere isolati e vergognarsi”, commenta ancora il primo cittadino di Montecatini Terme.
Dura presa di posizione sull’episodio anche da parte del presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani: “È ormai evidente che non sono solo farneticazioni: troppi episodi, troppi segnali di un intento anche politico. Le scritte che hanno imbrattato il muro del nuovo hub allestito nell’ippodromo di Montecatini sono solo l’ultimo grave episodio di una lunga serie. È necessaria una ferma reazione di istituzioni e società civile e mi auguro che forze dell’ordine e magistratura individuino i responsabili.
C’è una straordinaria battaglia in corso – continua Giani – per tutelare la salute delle nostre comunità e per consentire a tutte e a tutti di lavorare, di studiare, di vivere in sicurezza le forme della socialità. In questa battaglia il ruolo delle vaccinazioni è fondamentale e questo lo ha ben capito la stragrande maggioranza dei nostri concittadini”.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.