No iscrizione Ries per amusement senza denaro

60 0

A conclusione della lunga maratona notturna a palazzo Chigi sul decreto fiscale, sono tante le novità in materia di gioco. Gli operatori che offrono amusement senza vincita in denaro  non dovranno iscriversi all’elenco Ries. Secondo quanto prevederebbe l’ emendamento all’articolo 27 che istituisce il Registro unico degli operatori del gioco pubblico presso l’Agenzia delle dogane e dei monopoli, a decorrere dall’esercizio 2020. L’iscrizione al Ries costituisce “titolo abilitativo all’esercizio di attività legate al gioco pubblico ed è disposta (e rinnovata annualmente) dall’Agenzia, previa verifica del possesso da parte dei richiedenti di specifici requisiti e condizioni, anche finanziari. L’esercizio di qualsiasi attività funzionale alla raccolta di gioco in assenza di iscrizione al Registro, determina l’applicazione di una sanzione amministrativa di 10mila euro e l’impossibilità di iscriversi al Registro per i successivi 5 anni. Sono previste sanzioni anche per i concessionari di gioco pubblico che intrattengano rapporti contrattuali funzionali all’esercizio delle attività di gioco con soggetti diversi da quelli iscritti nel Registro”. 

La commissione Finanze della Camera ha approvato l’emendamento dei relatori (Carla Ruoco del M5S e Gian Mario Fragomeli del Pd) sul rinvio della lotteria degli scontrini, dal 1° gennaio al 1° luglio 2020 (http://cifonenews.it/slitta-a-luglio-lotteria-degli-scontrini-eliminate-multe/).

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *