Obbligo mascherina fino a 15 agosto. Emiliano presenta nuovo piano ospedaliero

128 0

Obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi fino al 15 agosto. A stabilirlo è il ministro della Salute, Speranza, con una nuova ordinanza. “È giusto che sui treni restino in vigore le regole di sicurezza applicate finora. Non possiamo permetterci di abbassare il livello di attenzione e cautela. Per questo ho firmato un’ordinanza che ribadisce che in tutti i luoghi chiusi aperti al pubblico, compresi i mezzi di trasporto, è e resta obbligatorio sia il distanziamento di almeno un metro che l’obbligo delle mascherine. Questi sono i due principi essenziali che, assieme al lavaggio frequente delle mani, dobbiamo conservare nella fase di convivenza con il virus”. Ha scritto Speranza sul proprio profilo Facebook. Tuttavia, la possibilità che l’obbligo di indossare la mascherina venga prorogato è alta, considerando la curva epidemiologica delle ultime settimane e la seconda ondata di Covid che ha già colpito Germania, Spagna e Francia. Intanto in Puglia, dove i casi di positività al coronavirus salgono a 120, il presidente Michele Emiliano presenta in conferenza stampa il nuovo piano ospedaliero regionale: “Oggi inizia la campagna anti-covid di autunno. Avrà caratteristiche militari, sarà severissima e correrà parallelamente alla campagna per recuperare i livelli di salute ordinari”.

“Dobbiamo rafforzare il sistema sanitario per poter gestire da una parte la salute ordinaria dei cittadini pugliesi, dall’altra l’ondata di Coronavirus che verosimilmente ci sarà ad ottobre (abbiamo già qualche avvisaglia). Questo perché non possiamo più permetterci di sospendere la salute ordinaria. Quello che avverrà è semplice – assicura Emiliano – Potenzieremo la rete ospedaliera con 1250 posti letto in più. Raddoppiati anche i posti di terapia intensiva (580) e possiamo ancora crescere”, sintetizza. Tra le novità, verranno distribuite le terapie intensive e sub-intensive anche negli ospedali di base. “Ogni medico, ogni sanitario e ogni paziente che accede in luogo delicato – ospedali e rsa, anche solo per far visita – deve rispettare rigorosamente le normative anti-covid. Sono pagliai: basta un cerino per distruggere tutto. Un cluster di comunità come una rsa, un ospedale o una fabbrica è una situazione complicatissima da gestire e arginare”, continua. “Questa è una campagna che siamo pronti a reggere. Abbiamo realizzato un livello di addestramento che mai avevamo raggiunto in precedenza. Di questo sono allo stesso tempo orgoglioso e responsabile, perché dobbiamo mantenere questo livello a lungo. Non sappiamo – conclude il governatore – quando l’emergenza finirà, né quando avremo il vaccino. Sarà una battaglia lunga, nella quale non possiamo più chiudere nulla: un lockdown generale non è più concepibile” (https://www.foggiatoday.it/salute/potenziamento-rete-ospedaliera-puglia-coronavirus.html).

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *