Olimpiadi a rischio. “Maledette” per il vice premier giapponese.

559 0

Le ha definite “maledette” le Olimpiadi di Tokyo, il vice premier giapponese Taro Aso. Previste per luglio ma in bilico a causa della pandemia da Covid-19, Aso ha ricordato come ogni 40 anni i giochi olimpici vengano rovinati da qualche evento mondiale. Fino a oggi in realtà nessuno sa se i Giochi di Tokyo 2020 si terranno come da calendario ma gli stessi giapponesi, malgrado il contagio da coronavirus abbia colpito le loro isole meno duramente che altrove, sono scettici sull’opportunità di ospitare i Giochi a partire dal 24 luglio (e fino al 9 agosto). Intanto proprio il vicepresidente del comitato organizzatore è risultato positivo al Covid-19.

Gli organizzatori hanno già dovuto ridimensionare gli eventi sull’arrivo della torcia olimpica e al momento, nonostante i preparativi stiano procedendo come previsto, le voci che vorrebbero mandare più avanti lo svolgimento dei Giochi si moltiplicano. La fiamma olimpica, secondo i media nipponici, è arrivata con un volo charter presso la Base aerea di Matsushima, nel Tohoku, la regione colpita dal terremoto/tsunami/incidente nucleare di marzo 2011. Il programma prevedeva che 200 bambini avrebbero accolto la fiamma, ma questa accoglienza è stata cancellata. La staffetta della torcia, considerato un evento cruciale per accrescere la consapevolezza attorno alla manifestazione, è stata fortemente ridimensionata. Gli spettatori potranno vederla dal lato della strada, ma si è chiesto di evitare “di formare assembramenti” e gli organizzatori si sono detti pronti a cancellare eventi in caso di “eccessiva congestione” (http://www.askanews.it/esteri/2020/03/20/coronavirus-fiamma-olimpica-in-giappone-ma-giochi-a-rischio-pn_20200320_00035/).

In un sondaggio, condotto su un campione di mille persone, pubblicato dall’agenzia di stampa giapponese Kyodo, il 69,9% degli intervistati ha dichiarato di ritenere “inopportuno” che la capitale riceva migliaia di atleti (e tifosi) provenienti da ogni parte del mondo. 

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *