Percezione della corruzione, Italia al 42esimo posto su 180 Paesi

138 0

L’Italia si posizione al 42esimo posto, su 180 Paesi, nella classifica sulla percezione della corruzione stilata da Transparency International nell’edizione 2021. L’Italia guadagna 3 punti e compie un balzo di 10 posizioni con un punteggio di 56, mentre lo scorso anno era 52/a con 56 punti.

Cresce dunque la fiducia internazionale, anche se è ancora lontana la media dell’Ue, che è di 64.

In dieci anni sono stati 14 i punti guadagnati dall’Italia.

Il progresso, rileva Transparency, “è il risultato della crescente attenzione dedicata al problema della corruzione nell’ultimo decennio e fa ben sperare per la ripresa economica del Paese dopo la crisi generata dalla pandemia”.

A livello globale, Danimarca e Nuova Zelanda rimangono al vertice della classifica, affiancati quest’anno anche dalla Finlandia, con 88 punti (+3). La Germania si conferma nel gruppo di testa, con 80 punti, il Regno Unito ne ottiene 78 (+1), la Francia 71 (+2), gli Stati Uniti 67 come lo scorso anno. In fondo alla classifica Siria, Somalia e Sud Sudan. In quest’ultimo anno 2 su 3 tra i Paesi analizzati (123 su 180) presentano ancora importanti problemi di corruzione, secondo l’organizzazione, avendo conseguito un punteggio inferiore a 50, ed evidenziano un forte rischio di arretramento nella tutela dei diritti umani, nella libertà di espressione e di una crisi della democrazia.
    L’Indice elaborato annualmente da Transparency a livello globale classifica i Paesi in base al livello di corruzione percepita nel settore pubblico, attraverso l’impiego di 13 strumenti di analisi e di sondaggi rivolti ad esperti. Il punteggio finale è determinato in base ad una scala che va da 0 (alto livello di corruzione percepita) a 100 (basso livello di corruzione percepita).

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.