Primo incontro coordinamento nazionale Anci sul Gap. Faggiani (Anci Lazio): “I Comuni prendano parte attivamente al riordino della materia”

196 0

Si è tenuto il primo incontro del Coordinamento nazionale Anci in materia di gap. Il tavolo tecnico nasce dalla necessità di raccogliere esperienze e attività svolte all’interno delle Anci regionali, per condividere le buone pratiche degli Enti locali, collaborare per l’individuazione di regole nazionali che possano riordinare il comparto. E’ proprio questo il punto su cui si fa più leva: occorre una legge nazionale che regolamenti il settore e consenta di combattere il fenomeno della ludopatia salvaguardando l’autonomia dei sindaci. In assenza di una legge quadro nazionale a cui anche le Questure possano riferirsi per il rilascio delle autorizzazioni, i Comuni sono lasciati soli a dover gestire il gioco pubblico in Italia.

“A livello locale è stata accolta la mia proposta di verificare la presenza dei singoli Comuni all’interno degli osservatori regionali previsti dalle leggi sul gioco d’azzardo patologico. In alcuni casi gli organismi preposti al monitoraggio delle normative vigenti non sono in funzione, quindi ne sollecitiamo l’attivazione” ha dichiarato Domenico Faggiani, delegato Anci Lazio e componente dell’Osservatorio regionale sul fenomeno del gioco d’azzardo. “Il nostro tavolo ha un articolazione piuttosto complessa, visto che mette insieme amministratori, funzionari e dirigenti dell’Anci che si occupano di attività produttive, psicologi, operatori del gioco. Abbiamo ribadito la necessità di avviare un lavoro che consenta ai Comuni di prendere parte attivamente al riordino della materia a livello nazionale” ha ribadito Faggiani.

D. Pellegrino

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *