Rapporto mafia-gioco on line, interpellanza M5S al ministro Tria su omessa vigilanza

83 0

 

Trenta deputati del Movimento 5 Stelle, tra cui il primo firmatario Francesco Silvestri, hanno chiesto con un’interpellanza urgente al ministro dell’Economia e delle Finanze, chiarimenti su “quella che appare una omessa vigilanza sul gioco, in generale, sul sistema informatico dei giochi d’azzardo online, in particolare e circa l’utilizzo improprio del simbolo dei Monopoli di Stato”.
L’interpellanza parte da un articolo apparso su ‘Il Fatto Quotidiano’ del 14 novembre 2018 in cui si apprende che presso le procure di Reggio Calabria, Bari e Catania sono state aperte tre inchieste coordinate dalla Direzione nazionale antimafia in relazione al gioco online, la nuova frontiera delle mafie. Tra l’altro si legge che “in carcere sono finiti importanti esponenti della criminalità organizzata ma anche diversi imprenditori che di fatto erano i prestanome dei clan. Dalle indagini, condotte anche dallo Scico di Roma, è emerso un giro d’affari superiore ai 4,5 miliardi di euro, si registrano sessantotto arresti (13 a Catania, 22 a Bari: si tratta di esponenti legati alle famiglie storiche della criminalità organizzata) e un’ottantina di perquisizioni eseguite”. In sostanza le mafie si sono spartite e controllano il mercato della raccolta illecita delle scommesse online.
‘Le tre procure – continua Il Fatto – contestano i reati di associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio, autoriciclaggio, illecita raccolta di scommesse online e fraudolenta sottrazione ai prelievi fiscali dei relativi guadagni. In Calabria, in Sicilia e in Puglia il sistema è pressoché lo stesso: seguendo il percorso del denaro utilizzato per scommettere su internet, la Guardia di Finanza è riuscita a ricostruire come i gruppi criminali coinvolti nell’inchiesta si sono spartiti e controllavano, con modalità mafiose, il mercato delle scommesse clandestine online”.
“È noto ormai – prosegue l’interpellanza – che la tecnologia delle piattaforme digitali non è più un ostacolo per la criminalità organizzata, tanto meno il sigillo di garanzia dei Monopoli di Stato, che di solito accompagnano le piattaforme digitali del gioco d’azzardo; parrebbe giusto evidenziare che forse si è sottovalutato il problema”.
“Le inchieste aperte in Calabria, in Sicilia e in Puglia – affermano i parlamentari del M5S – hanno infatti evidenziato che un baco del sistema sussiste e sotto tale profilo forse una buona dose di responsabilità è da attribuire alle rassicuranti parole sugli upgrade tecnologici del gioco legale e sicuro, quindi si parlerebbe di una punta di un iceberg che ha sottratto ai cittadini italiani più di un miliardo di euro e ne movimentava 4 e mezzo attraverso un giro di scommesse clandestine e poco trasparenti che però portavano il sigillo dell’Agenzia dei monopoli. In altre parole agivano con le slot machine e giochi online che presentano il simbolo dei Monopoli di Stato, ma che sono connessi a una rete di controllo parallela”.
“Con questo sistema – prosegue l’interpellanza – non solo si è determinata una inaccettabile evasione dei Monopoli ma sono a rischio i dati dei movimenti che fanno gli utenti giocando, innescando così un traffico ulteriore, quello della commercializzazione dei dati commerciali alla società marketing dei casinò sul web. Come noto l’Agenzia delle dogane e dei monopoli – area monopoli è il garante della legalità e della sicurezza in materia di apparecchi e congegni da divertimento ed intrattenimento per assicurare la trasparenza del gioco, pertanto, a garanzia della legalità annovera tra i suoi compiti anche quello della vigilanza su: giochi numerici a quota fissa, giochi numerici a totalizzatore, giochi a base sportiva, apparecchi da intrattenimento, giochi di abilità, carte, sorte a quota fissa, lotterie, bingo e gioco a distanza. Infine, si occupa anche di fornire servizi telematici di trasmissione e di consultazione dati, di sovrintendere alle procedure per l’antiriciclaggio, la documentazione antimafia e quanto altro necessario per monitorare la questione sotto il profilo della legalità”.
“Tuttavia, nonostante le buone intenzioni, la questione della longa manus delle organizzazioni criminali – affermano i pentastellati – non si riesce ad arginare, anzi, sembrerebbe essere la migliore fonte d’investimento per le mafie 2.0, la tecnologia delle piattaforme digitali non è una barriera invalicabile per la mafia. Figuriamoci il marchio di garanzia dei Monopoli di Stato sulle scommesse, regolarmente esposto dalle tre società concessionarie dell’azzardo on line colpite dall’inchiesta della Direzione nazionale antimafia. Si scopre dunque che la quasi totalità dei delitti sono intermediati dalla tecnologia oppure sono stati premeditati con la tecnologia, tanto che anche la mega infrastruttura digitale, sorvegliata dallo Stato – che dispone di una grossa società del Ministero dell’economia e delle finanze, la Sogei – è violabile e manipolabile, quindi, non si tratta più di un gioco che si muove sulla rete attraverso una interconnessione, bensì di un gioco sorvegliato da remoto”.
Considerata anche l’urgenza e la particolare attualità politica della tematica, i firmatari dell’interpellanza si chiedono infine “se sia intenzione del Ministro interpellato avviare un’indagine interna per la verifica del sistema informatico della Sogei e sulla gestione e commercializzazione del flusso dei dati commerciali alle società di marketing dei casinò sul web, se intenda fornire chiarimenti circa quella che appare agli interpellanti una omessa vigilanza sul gioco, in generale, sul sistema informatico dei giochi d’azzardo on line, in particolare, e circa l’utilizzo improprio del simbolo dei Monopoli di Stato”.
A. Bargelloni

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *