RAVENNA: DIPENDENTE DI UN BAR SI PORTA VIA 15MILA EURO DALLE MACCHINETTE, DENUNCIATO

437 0

La Polizia di Stato comunica che gli investigatori della Squadra Mobile della Questura hanno denunciato S.C. 30enne senegalese, residente a Ravenna, per il reato di furto aggravato continuato. Nei mesi scorsi il proprietario di un noto bar ravennate si è preoccupato per gli incassi del proprio locale che, rispetto al passato, cominciavano a subire perdite sempre più vertiginose, nonostante tutti gli impegni profusi ma, soprattutto, perché la clientela sempre numerosa del bar non andava di pari passo con i mancati incassi. Si concretizzava così il sospetto che i mancati guadagni non erano il risultato della crisi in cui versano molti settori dell’imprenditoria, ma fossero piuttosto originati da qualche dipendente infedele. Gli opportuni accertamenti e l’installazione di telecamere nascoste hanno permesso di individuare la responsabile accertando altresì che, dal mese di agosto 2017 al 02 febbraio 2018, S.C. dipendente del bar aveva effettuato ripetutamente le operazioni di chiusura contabile serale delle apparecchiature “Slot Machine” e delle “VLT” installate nella sala attigua al bar, prelevando indebitamente il denaro contante contenuto nelle cassettiere delle stesse, provocando al titolare del bar un danno patrimoniale quantificato in 15.200 euro La donna, che ha fatto venir meno il rapporto fiduciario fra datore di lavoro e dipendente, è stata quindi denunciata per furto continuato, aggravato dall’ingente quantità della somma sottratta.

05.04.2018, la Redazione

___________________________________________________________________________________________________________________

SAN FELICE. MANOMETTONO SLOT MACHINE PER OTTENERE VINCITE ILLEGITTIME, DENUNCIATI

I carabinieri di San Felice Circeo – a conclusione di una attività investigativa – hanno identificato e denunciato due persone con l’accusa di truffa. Si tratta di un 56enne di Roma e di un uomo di 41 anni di nazionalità romena ma residente nella Capitale.

In base a quanto accertato dagli uomini dell’Arma, i due – attraverso un dispositivo meccanico artigianale – avrebbero impedito il corretto funzionamento delle slot machine poste all’interno di un bar di San Felice, ottenendo così delle giocate gratuite con conseguenti vincite illegittime.

05.04.2018, la Redazione

 

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *