Sapar, Sapar Servizi, Consorzio Fee e New Asgi uniti a difesa dell’amusement sano.

123 0

Sapar, Sapar Servizi, Consorzio Fee e New Asgi uniscono le forze a difesa dell’amusement sano.
“Un fronte comune che dovrà perseguire obiettivi ambiziosi a difesa di un mondo, quello dell’intrattenimento, che favorisce l’aggregazione, il gioco sano di tutta la famiglia, fatti dimostrati dai numeri reali” hanno dichiarato
in rappresentanza di tutta la filiera italiana del settore, alla presenza dei vertici Euromat.

Così le maggiori componenti del mondo dell’intrattenimento senza vincite in denaro si sono riunite a Roma per identificare un percorso comune che porti alla valorizzazione del settore. La presentazione della prima fase della ricerca sui “comportamenti dei fruitori dei giochi con e senza ticket redemption”  dell’Università Roma tre è anche coincisa con l’annuncio di Euromat di voler fissare il proprio board annuale per il 12 marzo, in concomitanza con l’inizio della Rimini Amusement Expo, il nuovo soggetto fieristico italiano nato dalla collaborazione tra Fee, Sapar e Ieg.

Intanto c’è chi, del settore, sceglie la linea più dura. Dopo la conferenza stampa di ieri alla Camera dei Deputati e le diverse forme di protesta messe in atto dai gestori che hanno manifestato di fronte alla sede del Mise contro i nuovi aumenti del preu alle slot machine, il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio continua a negare un incontro.

“L’astensione alla raccolta – fanno sapere dall’associazione Agcai che ha guidato la protesta – diventa l’arma più potente che abbiamo per far capire al governo che esistiamo, che i gestori di awp sono una cosa diversa dai concessionari, che la tassazione delle awp è dal 29 gennaio al 70,83%, a cui si aggiunge 0,80 di ADM e altra quota ai concessionari di rete. E’ quindi insostenibile affrontare anche i costi di eventuali investimenti sia per l’aggiornamento del pay out che per il passaggio alle Awp da remote.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *