UK, sul tavolo della Gambling Commission la strategia nazionale triennale contro il gioco d’azzardo

66 0


Prevenzione ed educazione e trattamento e supporto. Sono questi i due punti strategici individuati dalla Gambling Commission nel Regno Unito come lotta al gioco d’azzardo. Per la prima volta, enti sanitari, enti di beneficenza, autorità di regolamentazione e imprese si riuniranno per affrontare efficacemente il fenomeno. Una strategia nazionale triennale in cui è prevista l’istituzione di un nuovo centro di ricerca e un archivio nazionale dei dati. William Moyes, presidente della Gambling Commission, ha dichiarato: “Questa nuova strategia fornirà a noi e ai nostri partner l’opportunità di compiere progressi più rapidi per ridurre il rischio derivanti dal gioco. Il successo di questa strategia si basa su tutti coloro che lavorano insieme per ridurre i danni legati al gioco attraverso la prevenzione e l’istruzione, nonché il trattamento e il supporto. Ognuno ha un ruolo da svolgere per combattere i danni legati al gioco d’azzardo e sono lieto che il settore sanitario, gli enti di beneficenza e le imprese mostrino il loro impegno per supportare la strategia e renderla un successo. Abbiamo tutti bisogno di capire meglio i danni che possono essere causati dal gioco d’azzardo, allontanandoci dal semplice conteggio dei giocatori problematici”.

Il ministro dello Sport Mims Davies ha affermato: “Proteggere le persone dai danni potenziali dovrebbe essere al centro di ogni attività di gioco d’azzardo. La dipendenza può rovinare le vite ed è fondamentale che a chi ha bisogno di aiuto venga dato il giusto trattamento al momento giusto. La strategia della Commissione per il gioco d’azzardo – ha proseguito – riflette la nostra chiara aspettativa che l’intero settore debba unirsi per ridurre il gioco d’azzardo problematico”.

Claire Murdoch, direttore nazionale per la salute mentale presso il National Health Servicel (NHS): “Vi è una crescente evidenza di un legame tra gioco d’azzardo problematico e stress, depressione e altri problemi di salute mentale e questo è un passo importante nella battaglia per ridurre i danni causati. Il NHS sta facendo la sua parte con il Piano a Lungo Termine impegnandosi in un aumento dei servizi di salute mentale per i pazienti con un problema di gioco, ma la dipendenza dal gioco è un problema per l’intera società che colpisce persone di tutte le età, ecco perché è responsabilità di tutti agire”.

Rosanna O’Connor, direttore di Alcohol, Drugs, Tobacco and Justice di Public Health England, ha aggiunto: “PHE accoglie con favore l’impegno della strategia di adottare un approccio di sanità pubblica ai danni correlati al gioco d’azzardo. C’è un bisogno urgente di sviluppare una migliore comprensione di questi danni e PHE è stato incaricato dal Governo di intraprendere uno studio completo sui danni alla salute pubblica del gioco d’azzardo. Inoltre, l’Istituto nazionale per la ricerca sanitaria ha commissionato una revisione complementare dell’efficacia delle politiche e degli interventi per ridurre i danni legati al gioco, che faranno parte del rapporto della PHE che sarà pronto nella primavera del prossimo anno”. 

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *