Veneto, approvato all’unanimità Testo Unificato sul gap.

173 0

Approvato all’unanimità dalla V commissione della regione Veneto, il Testo unificato sulla prevenzione e lotta al gap. Già munito del parere favorevole della commissione Bilancio sulla parte finanziaria (http://cifonenews.it/veneto-anche-la-prima-commissione-dice-si-al-testo-unificato-sul-gap/), il testo è la sintesi di tre proposte di legge di iniziativa consiliare – primi firmatari rispettivamente i consiglieri Guadagnini, Barbisan e Negro, – e del disegno di legge n. 395 di iniziativa della Giunta regionale, e che andrà a sostituire il precedente impianto normativo. Con esso la Regione si impegna, nell’ambito delle proprie competenze in materia di tutela della salute e di politiche sociali, a promuovere interventi finalizzati alla prevenzione, al contrasto e alla riduzione del rischio da gioco d’azzardo patologico e delle problematiche azzardo-correlate, nonché al trattamento e al recupero delle persone che ne sono affette e al supporto delle loro famiglie. “Con il Pdl approvato oggi in Quinta commissione consiliare la Regione del Veneto si dota di una legge che combatte la ludopatia, disturbo del comportamento dalle profonde ricadute socio-sanitarie e che, nel contempo, dà una regolamentazione a un intero settore economico”, ha commentato Fabrizio Boron, presidente della commissione consiliare e consigliere regionale del gruppo Zaia Presidente. “Il provvedimento, votato a maggioranza, senza voti contrari, dai membri della Commissione – continua Boron – vuole sostenere i Comuni e le amministrazioni locali nella tutela delle fasce più deboli dei cittadini. Sempre più frequenti, infatti, sono i casi di persone che si abbandonano al gioco dilapidando interi stipendi, pensioni e risparmi, creando quindi enormi problemi a se stessi e ai loro familiari. Nel provvedimento sono stati stabiliti specifici criteri per la dislocazione delle sale gioco, allontanandole il più possibile da luoghi sensibili di aggregazione come parrocchie, scuole, ospedali, parchi. Un modo, quindi, per arginare la dipendenza da gioco, vera piaga sociale purtroppo sempre più presente nelle nostre città”.

Con il Testo unificato infatti la Regione promuove interventi con finalità di prevenzione dei problemi sanitari e sociali correlati al gioco d’azzardo patologico, e programmi di trattamento sociosanitario e di recupero dei soggetti affetti da gap, cercando di promuovere una cultura di utilizzo responsabile del denaro attraverso attività di educazione, informazione, sensibilizzazione, anche in relazione ai rischi connessi alle varie tipologie di giochi con vincite in denaro. Inoltre vuole rafforzare la cultura del gioco misurato e responsabile e la consapevolezza nella scelta di giocare o non giocare, cercando di contenere l’impatto negativo connesso alla diffusione del gioco d’azzardo sul tessuto sociale, sui comportamenti e sulla cultura locale.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *