Veneto, la V Commissione approva Testo Unificato sul Gap

113 0

Esaminato e approvato dalla V Commissione consiliare permanente della Regione Veneto il Testo Unificato che disciplina la prevenzione e la cura del gioco d’azzardo patologico, frutto della sintesi di tre proposte di legge, di iniziativa consiliare e del ddl n. 395 della Giunta ‘Norme sulla prevenzione e cura del disturbo da gioco d’azzardo patologico’, assunto quale testo di riferimento. Il gioco d’azzardo patologico rientra nei livelli essenziali di assistenza rappresentando una vera e propria piaga del tessuto sociale., così come hanno dimostrato innumerevoli ricerche scientifiche, tanto che l’ultima edizione del DSM ha spostato il disturbo da gioco d’azzardo dal capitolo dei disturbi del controllo degli impulsi a quello dei disturbi di dipendenza. “L’impatto sociale e sanitario dei problemi azzardo-correlati è quindi di rilevante entità ed ampiezza – si legge nel Testo Unificato – Per questo la Regione vuole promuovere interventi con finalità di prevenzione dei problemi sanitari e sociali correlati al gioco d’azzardo, con particolare riguardo al gioco d’azzardo patologico, programmi di trattamento sociosanitario e di recupero dei soggetti con gioco d’azzardo patologico, nonché di supporto alle loro famiglie, promozione e diffusione di una cultura di utilizzo responsabile del denaro, attraverso attività di educazione, informazione, sensibilizzazione, anche in relazione ai rischi connessi alle varie tipologie di giochi con vincite in denaro, rafforzamento della cultura del gioco misurato e responsabile e della consapevolezza nella scelta di giocare o non giocare, contenimento dell’impatto negativo connesso alla diffusione del gioco d’azzardo sul tessuto sociale, sui comportamenti e sulla cultura locale”. Ora il testo normativo andrà all’esame della Prima Commissione relativamente alla parte finanziaria, per poi essere approvato in via definitiva.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *