ultime notizie

Forze dell'ordine, Gaming, In Evidenza, Redazione

Gioco illegale, la Gdf sequestra 20 apparecchi a Taranto

Uncategorized

Scoperta dalla Guardia di Finanza evasione fiscale per oltre 2 milioni di euro

Attualità, Economia, Forze dell'ordine, In Evidenza

Sanzioni per 99mila euro ai gestori di 6 slot machine non collegate alla rete ufficiale e non denunciate

Attualità, Economia, Gaming, In Evidenza, Politica

Campione 2.0: ‘Un consiglio comunale urgente e straordinario sui conti dell’ente’

Attualità, Gaming, In Evidenza, Politica, Tempo libero

Ai Girls: oltre 300 studentesse per la prima edizione, Igt al lavoro per la seconda

Attualità, Gaming, Politica, Salute

Divieto pubblicità gioco, Consiglio di Stato sospende sentenza del Tar Lazio

Il free-play non funziona nei casinò: parola dell’Università di Las Vegas

Uno studio dell’Unlv – University of Nevada, Las Vegas, mette in dubbio l’efficacia degli incentivi al gioco gratuito nel settore dei casinò,

Secondo un nuovo studio dell’Università di Las Vegas, Nevada, le campagne di gioco gratuito (“free play”) sono diventate l’incentivo di gioco dominante nel settore del gambling, dove la maggior parte del denaro viene spesa per portare i giocatori alla porta e continuare a farli tornare, nonché per incrementare gli accessi. Tuttavia, la ricerca suggerisce che la loro efficacia potrebbe essere in declino, soprattutto all’interno di alcuni gruppi di giocatori .
A condurre lo studio, ancora una volta, è statato Anthony Lucas, ricercatore presso l’Harrah College of Hospitality dell’Unlv, scoprendo che la riduzione della quantità di gioco libero comporta una variazione minima o nulla nelle visite o nella spesa per visita.
“Questo lavoro non dimostra che il free-play sia un male”, specifica il professore. “Più che altro, questo si è evoluto in un luogo dove non sta raggiungendo gli obiettivi dichiarati, e non sono più così sicuro dei suoi ritorni. I casinò devono quindi chiedersi come poterlo fare diversamente o come poterlo fare meglio”, aggiunge.

I due obiettivi principali del gioco gratuito sono: aumentare sia le visite che la spesa per ogni uscita, anche se la maggior parte delle ricerche indica che questa tecnica di marketing non sta ottenendo questi risultati. “Non sempre vai in vacanza nello stesso posto o a mangiare fuori nello stesso ristorante  e lo stesso accade con il gioco d’azzardo”, spiega Lucas. “Probabilmente non andrai sempre allo stesso casinò, ma se riescono a farsi visitare più frequentemente, è fantastico, per le case da gioco. Ed è per questo che utilizzano i programmi fedeltà di gioco gratuito”.

Lucas è coinvolto nel gioco da 40 anni e lavora presso l’Università del Nevada dal 2001. È un consulente attivo in questioni legate al gioco, tra cui gestione delle operazioni, marketing dei casinò e analisi finanziaria. La sua ultima ricerca è stata prodotta utilizzando dati sulle prestazioni di un casinò tribale operativo negli Stati Uniti occidentali nel corso di diversi anni.

Lo studio universitario
Nel primo anno, 400 frequentatori di casinò hanno ricevuto 15 dollari a settimana di gioco gratuito. Nel secondo anno, sono stati divisi in quattro gruppi da 100 persone ciascuno, con ogni gruppo che ha ricevuto una quota di gioco gratuito diversa che andava da 0 a 15 dollari. “Volevamo capire come cambiavano la spesa per viaggio e la quantità di visite”, spiega ancora Lucas. “Quello che abbiamo scoperto è che non c’è stato alcun calo nella spesa per viaggio dopo aver ridotto i premi. Non credo che ci sia nessuno nel settore che avrebbe potuto prevederlo”.
Le visite sono diminuite di circa il 20 percento per il gruppo i cui vantaggi di gioco gratuito sono stati completamente eliminati.  Ma i soggetti dei gruppi che hanno ricevuto quote di 5, 10 o 15 dollari non hanno diminuito la frequenza delle visite. Dato il numero limitato di clienti disponibili in luoghi con gioco d’azzardo legalizzato, i casinò competono per il patrocinio dei clienti, causando un aumento delle spese per la campagna free-play. Un casinò tipico può spendere decine di milioni di dollari o più in incentivi free-play all’anno, secondo Lucas. “È difficile per i proprietari dei casinò apportare modifiche perché le aziende sono naturalmente avverse al rischio”, aggiunge il ricercatore. “I dati mostrano che potresti fare tante altre cose con quei soldi con conseguenze minime o nulle. Potresti migliorare il servizio clienti e l’ambiente fisico: queste sono cose che influenzano anche il clientelismo e la spesa”.

Lo studio: “Misurare l’impatto delle offerte di gioco gratuite ridotte sul comportamento di fedeltà dei casinò” è stato pubblicato il 22 aprile 2024 sull’Unlv Gaming Research & Review Journal. Alla ricerca ha collaborato anche Katherine A. Spilde della San Diego State University.

Condividi

Articoli correlati

Video