ultime notizie

Attualità, Gaming, In Evidenza, Politica, Tempo libero

Ai Girls: oltre 300 studentesse per la prima edizione, Igt al lavoro per la seconda

Attualità, Gaming, Politica, Salute

Divieto pubblicità gioco, Consiglio di Stato sospende sentenza del Tar Lazio

Attualità e Politica, Economia, Gaming, In Evidenza

Gioco online e fisico: riordino nel limbo, ma le novità sono ormai alle porte

Attualità, In Evidenza, Redazione, Sports

Finale Euro 2024, Spagna-Inghilterra: il vincitore secondo i bookie di Fantasyteam

Attualità, Cultura, In Evidenza, Redazione, Sports

Luci a San Siro Trotto Grand Opening: Snaitech celebra il nuovo volto dell’Ippodromo Snai San Siro con una grande serata di sport, musica e cultura

Attualità, Forze dell'ordine, Gaming, Giurisprudenza, In Evidenza

Scommesse, Tar Sicilia accoglie ricorso CTD: “Decisione Questore su chiusura attività si basa su norma suscettibile di disapplicazione in virtù della prevalenza del diritto comunitario”

Kenia, ucciso l’ugandese mezzofondista Kiplagat. Atletica sotto choc

Trovato morto nella notte di fine anno, nell’auto del fratello a Eldoret, in Kenia, la capitale internazionale dei maratoneti e dei mezzofondisti. L’atletica mondiale sotto choc per l’omicidio di Benjamin Kiplagat, mezzofondista ugandese di 34 anni. La polizia locale ha annunciato di aver fermato due sospetti, uomini di trenta anni con precedenti criminali, che terrorizzavano con i loro reati la popolazione locale.

Kiplagat, era nato in Kenia ma aveva gareggiato per l’Uganda nei 3000 siepi alle Olimpiadi e ai Mondiali. Il corpo, secondo quanto riporta Ansa, è stato trovato a bordo di un’auto, probabilmente del fratello, con ferita mortali da coltello nei pressi di Eldoret, il villaggio della Rift Valley dove si allenano tutti i più forti fondisti del mondo. Secondo le prime indagini, i due uomini avrebbero tentato una rapina a bordo di una moto, Kiplagat avrebbe scartato con la macchina provocando la reazione violenta degli assalitori. La polizia keniana conta di chiudere rapidamente le indagini e portare i due sospettati domani davanti al giudice per i primi provvedimenti. Non si tratta del primo caso di morte violenta tra atleti della Rift Valley: nel 2021 la campionessa keniana Agnes Tirop era stata trovata morta nella sua casa a Iten, vicino Eldoret, e il marito era stato accusato averla uccisa.
    Kiplagat aveva ottenuto l’argento mondiale nelle siepi ai mondiali juniores del 2008, poi a livello assoluto il suo miglior risultato era stata la semifinale della sua distanza a Londra 2012.

La Redazione

Condividi

Articoli correlati

Video