Caserta, Bingo mette a disposizione aree per vaccinazioni anti Covid

259 0

Grande gesto di unità e resilienza arriva proprio da una sala Bingo campana. L’Amministratore unico di “Figli delle Stelle s.r.l.”, società che si occupa della gestione del gioco del Bingo in Teverola, alla Strada Stalale 7bis, km 11700, scrive alla Regione Campania, alla Provincia e al Comune:

“visto il momento particolare che attraversa il nostro Paese e la nostra Regione, nonché Provincia, in relazione all’emergenza COVID-19 e in relazione ai pochi siti Vaccinali presenti in Provincia di Caserta, comunico che la nostra sala, nonché il parcheggio, è a disposizione delle ASL e degli Enti Comunali e Regionali, a titolo gratuito, al fine della somministrazione dei vaccini alla popolazione“.

Un’iniziativa in linea con le nuove disposizioni governative che prevedono una serie di punti vaccinali territoriali straordinari, all’interno di palestre, palazzetti e parcheggi. L’obiettivo è quello di raggiungere un ritmo di 672 vaccinazioni al giorno nelle strutture più grandi – che potrebbero arrivare anche fino a 750 – dove sono previste otto linee di somministrazione, aperte per 12 ore: qui ogni cittadino potrà essere immunizzato in dieci minuti. Il tutto “nell’ottica di ampliare l’offerta di prossimità per favorire la massima adesione alla campagna vaccinale”. Il Governo detta alle Regioni la nuova fase della sua strategia definendo gli standard degli spazi che si aggiungeranno a quelli già esistenti ed attivati nelle strutture sanitarie, ambulatori o nei grandi hub.

Le linee di indirizzo organizzativo e strutturale dei punti vaccinali saranno illustrate nelle prossime ore ai governatori in un documento definito “non vincolante” ed ha lo scopo di “suggerire un modello organizzativo e funzionale omogeno”, da “attivare per accelerare e disseminare la capacità vaccinale anti Covid-19 in tutte le Regioni e Province Autonome” e che “possa essere di riferimento per l’incremento della capacità vaccinale sul territorio”.

Tra gli obiettivi c’è “quello di individuare i requisiti minimi essenziali, sia generali che specifici per tipologia, che caratterizzano i punti vaccinali territoriali straordinari”, come ad esempio le dimensioni della struttura. I Punti vaccinali territoriali straordinari (Pvts) vengono distinti a seconda del numero di personale impiegato, linee vaccinali e spazio: maggiori, minori e mobili.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *