Filcams Cgil, Fisascat Cisl e UilTucs Uil scrivono a Regione e Consiglio della Puglia per chiedere confronto sulla legge sul gioco.

168 0

Chiedono un confronto con le istituzioni pugliesi i sindacati del mondo del gioco in vista della scadenza della proroga della legge regionale n. 43 del 13 dicembre 2013, fissata per il 15 giugno 2019.

“Continuiamo a darvi la nostra disponibilità per un confronto per intervenire sul settore, per rendere compatibili il gioco con la sostenibilità sociale, contrastare gli abusi e combattere l’illegalità, guardando con preoccupazione ai fenomeni difficilmente controllabili quali il gioco online e il gioco illegale attraverso attività illecite” scrivono i rappresentanti sindacali Barbara Neglia (Filcams Cgil), Antonio Arcadio (Fisascat Cisl) e Giuseppe Zimmari (UilTucs Uil) nella lettera indirizzata al governatore Emiliano, alla giunta e ai membri del consiglio regionale. E mentre è in corso l’iter della proposta di modifica della normativa sul gioco in tema di distanziometro (http://cifonenews.it/puglia-santorsola-sulla-riduzione-distanze-dai-luoghi-sensibili-riduciamo-il-distanziometro-ghettizza-il-giocatore/), i sindacati scrivono: “Le scriventi organizzazioni sindacali sostengono da sempre che, solo attraverso un confronto aperto e chiaro si può addivenire ad una normativa che persegua, nel caso in oggetto, il giusto obiettivo della tutela sociale (quali rafforzamento della cultura del gioco misurato, contrasto, prevenzione e riduzione del rischio della dipendenza da gioco) senza che si trasformi in un boomerang dal punto di vista occupazionale. Non crediamo che il proibizionismo sia la cura di una piaga sanitaria sociale. 
Auspichiamo nel breve si venga convocati per condividere un percorso che vada al superamento della legge regionale”, conclude la lettera.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *