Fisascat Cisl Emilia-Romagna: “Non dimenticateci, non lasciateci soli”

170 0

Gli addetti al settore del gioco e sale Bingo in Emilia Romagna lanciano un grido di aiuto: “Non dimenticateci, non lasciateci soli. E’ un settore che conta oltre 2500 lavoratori, di cui il 30 per cento part time, impiegati in quasi 200 sale giochi distribuite da Piacenza a Rimini. Lavoratori che, a causa delle attuali restrizioni legate al Covid, si trovano a fronteggiare, per loro e le loro famiglie, disagi sociali, reddituali e occupazionali sempre più ingenti, ancor più perché, guardando oltre l’emergenza pandemica, non riescono a intravedere alcuna prospettiva per il futuro” ha dichiarato Felice Provvisiero, coordinatore regionale del settore per la Fisascat durante l’assemblea regionale indetta in videoconferenza dalla Fisascat Cisl dell’Emilia-Romagna, come riporta Agimeg. “Dalla stessa assemblea è emersa anche la convinzione che gli strumenti e gli ammortizzatori sociali da mettere in campo debbano essere pensati per garantire la continuità lavorativa ad un settore delicato che permette, all’interno di un contesto di regole, di eliminare un mercato del gioco irregolare e illegale”. “Sono lavoratori – gli fa eco Malgara Cappelli, segretaria generale regionale della Fisascat Cisl – che meritano lo stesso rispetto ed attenzione di altri. Lavoratori che hanno già pagato alti costi, in termini occupazionali e reddituali, a seguito dei numerosi processi di riorganizzazione del settore già prima del Covid. Ora, così come si fa in altri ambiti, è indispensabile valutare attentamente le ricadute occupazionali e sociali, con conseguenze che inevitabilmente interesseranno anche altri operatori dell’indotto e le aziende fornitrici di servizi. Certo, sul piano sociale non possiamo certo sottovalutare i danni psicologici e patrimoniali che provoca l’insorgere di ludopatie severe ma, nel contempo, c’è anche un problema occupazionale di un sistema che nel frattempo si è andato strutturando e che deve essere correttamente gestito. In questo settore, in forte ristrutturazione, è indispensabile che, accanto agli ammortizzatori sociali, si mettano in atto politiche attive, anche attraverso l’utilizzo del Fondo Nuove Competenze, per garantire continuità occupazionale” (https://www.agimeg.it/bingo/fisascat-cisl-emilia-romagna-strumenti-ammortizzatori-per-lavoratori-gioco-legale-settore-che-permette-contrastare-illegalita)

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *