Gaming online, rapporto Deloitte-Casmef: in Italia maggior crescita, seconda solo al Regno Unito

630 0

“L’Italia rappresenta insieme alla Spagna il mercato impattato dalla maggiore crescita del gaming online negli ultimi anni sia a livello di raccolta pro capite (+26,4% e +24,5%) che a livello di margine lordo (+29,7% e +32,7%)”. E’ quanto emerso dal rapporto ‘Il settore del gioco online: confronto internazionale e prospettive’, presentato alla Luiss e realizzato da Deloitte Financial Advisory e Casmef. Lo studio si è posto l’obiettivo di descrivere il settore del gioco online in Italia e di valutarne la situazione attuale e le prospettive future attraverso un’analisi comparativa a livello internazionale. Il risultato finale si sostanzia in una serie di indicazioni per i responsabili della politica economica e della regolamentazione del comparto, al fine di garantirne la sostenibilità economica di medio-lungo periodo. Dal rapporto emerge come in Italia, anno dopo anno, sia cresciuta la penetrazione dell’online nel settore dei giochi, passato dal 4,2% del 2014 al 7,2% del 2017, con un payout pressoché invariato al 94,9%. Nel 2017 la raccolta netta è stata pari a 1.072 milioni di euro, con un gettito erariale di 305 milioni. Nel confronto con gli altri Paesi europei, solamente nel Regno Unito il gioco online ha un impatto maggiore, pari al 37,3%, segue l’Italia con il 7,2% e la Spagna con il 6,1%. Analizzando il margine lordo per tipologia di gioco, in Italia il 55% è rappresentato dalle scommesse sportive, seguite da giochi da casinò e poker online con il 26%. Il Regno Unito è stato il paese guida per la legalizzazione del gioco online. Il comparto del gaming online è stato definitivamente regolamentato nel 2014 e attualmente rappresenta il 37,3% del mercato del gioco nel Regno Unito, impiegando circa 10.273 persone. In Francia la crescita del comparto online è iniziata nel 2010 con l’introduzione di una nuova regolamentazione, che ha messo fine al monopolio statale e ha concesso alle società private di chiedere licenze per operare e offrire servizi di gioco. Dal 2016 al 2017, la raccolta totale è aumentata di 500 milioni di euro, raggiungendo i 7,1 miliardi di euro. Il payout, invece, ha mostrato un leggero calo dal 2016 al 2017. In Spagna il valore della raccolta totale del gioco online è raddoppiato dal 2014 al 2017, raggiungendo i 13,3 miliardi di euro, mentre il payout è rimasto pressoché stabile e pari a circa il 96%. Il mercato del gaming online in Germania ha mostrato un trend crescente dal 2014. Il GGR complessivo è passato da 1,4 miliardi nel 2014 a 1,9 miliardi di € nel 2017, con un tasso di crescita medio annuo pari all’11%. Il mercato è dominato principalmente dai giochi da casinò (comprese le slot machine) e dalle scommesse.  Dallo studio dunque è emerso un importante contributo del settore all’economia nazionale, ma allo stesso tempo la chiara necessità di monitorare attentamente e limitare i potenziali rischi per i consumatori, in particolare quelli relativi al gioco problematico.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *