Il Veneto stanzia 2mln di euro per progetti di volontariato anche contro Gap

122 0

Ben due milioni di euro stanziati dalla Regione Veneto per promuovere progetti e iniziative del volontariato e dell’associazionismo che creino solidarietà e vicinanza e aiutino a contrastare povertà, solitudini, devianze e marginalità. Tra gli obiettivi c’è anche la prevenzione di comportamenti a rischio devianze e dipendenze, compresa quella da gioco patologico. 

Per finanziare iniziative locali delle piccole associazioni, la Regione mette a disposizione 697.360 euro; per progetti più importanti a livello regionale o provinciale, che dovranno coinvolgere almeno tre enti del non profit, le risorse a bando ammontano a 1.400.000 euro.


L’assessore regionale alle politiche sociali , Manuela Lanzarin, ha spiegato:  “Le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale hanno nel loro Dna costitutivo la capacità di cogliere bisogni e necessità del territorio e delle persone e di saper ‘inventare’ nuove risposte e nuovi servizi. Con questo bando chiediamo loro di connettere queste loro capacità e potenzialità con le politiche regionali e con gli obiettivi di contrasto alla povertà e al disagio. Ci attendiamo progetti che creino comunità solidali, reti di impegno civico, iniziative concrete che aiutino a sviluppare legami sociali e a creare esperienze e condizioni di ‘welfare’ generativo, nelle quali le persone da problema diventano risorsa. I volontari sono la grande risorsa della nostre comunità locali: con la loro sensibilità e le loro azioni anticipano, stimolano e integrano l’intervento dei servizi, con il valore aggiunto delle relazioni umane e della gratuità”. Verrà premiata la coerenza del progetto con gli obiettivi cardine della programmazione sociale del Veneto: il contrasto alla povertà materiale ed educativa, la prevenzione di comportamenti a rischio devianze e dipendenze, compresa quella da gioco d’azzardo, il recupero delle eccedenze alimentari, il contrasto a situazioni di fragilità delle persone anziane, lo sviluppo di progetti complementari alle attività svolte dalle fattorie sociali.  

La Redazione


Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *