Imperia, professionisti gioco online percepivano Rdc

99 0

Percepivano il ‘reddito di cittadinanza’ ma erano professionisti del gioco online. Ad Imperia, grazie ai controlli a tappeto dei finanzieri del Comando Provinciale del capoluogo, coordinati dal  procurato della Repubblica Alberto Lari  e diretti dal sostituto  Barbara Bresci, sugli stati patrimoniali dei percettori del sussidio sono state individuate 20 persone, tutte residenti in provincia che, tra il 2019 ed il 2020, simulando uno stato di indigenza economica, hanno indebitamente percepito l’aiuto statale per un importo complessivo di oltre 160 mila euro.
Nelle autodichiarazioni necessarie a richiedere il beneficio patrimoniale all’Inps, si legge in una nota della Gdf, “gli indagati avevano indicato di non avere disponibilità economiche sui propri conti correnti, risultando però , tutti titolari di conti gioco on line utilizzati assiduamente sia per giocare che per scommettere (poker, giochi da tavolo, scommesse sportive, tombola e bingo) arrivando a giocare addirittura diverse centinaia di migliaia di euro, utilizzando fonti di reddito evidentemente occultate al Fisco. Gli indagati alimentavano i propri conti gioco mediante ricariche di denaro in contanti o bonifici/ giroconti direttamente dai propri conti correnti personali o da carte di credito ricaricabili”. Nei confronti degli indagati il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Imperia, recependo appieno le ipotesi investigative prospettate dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Imperia, ha emesso un decreto di sequestro preventivo, tuttora in corso di esecuzione, delle somme indebitamente percepite dagli indagati, che ora rischiano una pena da due a sei anni di reclusione, per aver reso dichiarazioni false e per aver attestato circostanze non veritiere al fine di ottenere indebitamente il beneficio del reddito di cittadinanza. Tutte le posizioni illecite sono state inoltre state segnalate all’Inps per la revoca del beneficio economico in questione.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *