In Calabria 6 centri specializzati gap per la cura della dipendenza da gioco d’azzardo

167 0

Apriranno ufficialmente domani, 21 luglio, sei nuovi centri specializzati gap per la cura e il sostegno della dipendenza da gioco d’azzardo in Calabria. Le strutture saranno a Catanzaro, Cosenza, Crotone e Reggio Calabria e saranno finanziate dal progetto “A Carte Scoperte”, sostenuto dalla Fondazione Con il Sud, che mira al contrasto e alla prevenzione della ludopatia. “Le sei strutture aiuteranno a fornire soluzioni sostenibili per fronteggiare il fenomeno del gioco d’azzardo patologico in Calabria, – spiega Silvia Saladino, responsabile del progetto e professionista del Centro Calabrese di Solidarietà – proponendo un modello di intervento condiviso e innovativo che risponda alla difficoltà di organizzare forme strutturate di cura; all’assenza di linee di ricerca specifiche nel campo delle dipendenze senza uso di sostanze; alla volontà di usare le potenzialità delle nuove tecnologie a scopo preventivo e di contrasto delle dipendenze comportamentali. Il fenomeno della ludopatia in Calabria, del resto, è in preoccupante crescita anche se per molti aspetti è ancora sommerso. Ciò sta generando problemi su più fronti: sia economici che sociali. Il nostro obiettivo è intaccare questo trend offrendo soluzioni concrete”.

Nello specifico i Centri Specializzati Gap offriranno tutti i seguenti servizi:
1) un percorso di riabilitazione completo, progressivo e strutturato del soggetto ludopatico, dalla presa in carico alla cura. Si tratta di un servizio innovativo che mette al centro anche la famiglia, quale mezzo da cui possono non solo scaturire le problematiche legate al gioco d’azzardo ma anche le motivazioni principali per superare questo tipo di dipendenza comportamentale. Per incoraggiare e facilitare la partecipazione delle famiglie al percorso trattamentale previsto, il progetto offrirà, nelle sedi di ciascun Centro Specializzato, un servizio gratuito di babysitting destinato ai figli più piccoli dei soggetti affetti da GAP;
2) Servizi a supporto delle donne vittime di violenza e a contrasto della violenza di genere: nei Centri Specializzati GAP sarà attivato uno “spazio rosa” dedicato alle donne partner di soggetti con problematiche di dipendenza da gioco e agli uomini ludopatici che “riconoscano” di aver perpetrato violenza a causa della dipendenza comportamentale legata al gioco;
3) Raccolta di dati relativi alla correlazione ludopatia/violenza che permetterà di realizzare un vero studio sul tema, con una mappatura del fenomeno a livello regionale e la sua analisi a livello qualitativo e quantitativo.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.