Interrogazione Ruggiero (M5S): “Migliore conoscenza dei dati Gap per più efficace programmazione”

166 0

“Qual è stato il lavoro svolto dalle Regioni in materia di cura e prevenzione del gioco patologico?”

Lo ha chiesto la deputata cinquestelle, Francesca Anna Ruggiero, in un’interrogazione a risposta scritta rivolta al ministro della Salute, Roberto Speranza. Nelle premesse ha ricordato che “la Corte dei conti, con deliberazione del 30 dicembre 2021 n. 23/2021/G, ha condotto un’indagine sull’utilizzo dei fondi stanziati dalla Stato per il contrasto al gioco d’azzardo patologico” e che il Fondo per la gestione del gioco d’azzardo patologico, “istituito dall’articolo 1, comma 946, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, recante ‘Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato’ (legge di Stabilità 2016), presso il ministero della Salute, ed è finalizzato a contrastare gli effetti patologici derivanti dalle attività di gioco compulsivo che ha raggiunto un livello di allarme sociale e sanitario, tale da indurre il legislatore nazionale e quello regionale, a prevedere una serie di interventi normativi, diretti a contrastare gli effetti espansivi del fenomeno denominato ludopatia o disturbo da gioco d’azzardo e che ha avuto il suo punto di svolta nel decreto-legge n. 158 del 2012 (decreto Balduzzi)”.Inoltre, si legge ancora nell’interrogazione, la legge di Stabilità per il 2015 ha “istituito, come organo consultivo del ministero, un Osservatorio al fine di provvedere al monitoraggio e all’aggiornamento, sulla base delle evidenze scientifiche, delle linee di azione per la prevenzione, cura e riabilitazione delle persone affette dal Gap; tale assetto normativo è integrato dalle azioni degli enti regionali, che hanno ripreso e, talvolta arricchito, nella rispettiva legislazione, quanto delineato dal legislatore nazionale, nell’attuazione degli indirizzi definiti dalla regione e delle loro funzioni in materia di contrasto al gioco patologico; la predetta indagine condotta dalla Corte dei conti ha, tuttavia, evidenziato, tra le altre, una rilevante criticità, rappresentata dalla difficoltà di rilevazione dei dati epidemiologici, considerato che, allo stato attuale, non si ha un quadro reale dell’entità dei malati in cura presso le strutture ambulatoriali, quanti presso le strutture residenziali e semiresidenziali”. La deputata Ruggiero ha sottolineato quanto “una migliore e puntuale conoscenza dei dati” appaia “essenziale sia per la quantificazione delle risorse da riportare al numero di casi effettivamente registrati che per una più efficace programmazione centrale e territoriale; si è, inoltre, evidenziato, che ogni regione segue, secondo criteri differenziati, i vari protocolli di intervento in materia di cura dei soggetti colpiti da ludopatia ed alcune regioni, invece, si limitano al trattamento da sostanze stupefacenti trascurando quello riguardante i soggetti affetti da disturbo da gioco d’azzardo”. La Ruggiero infine chiede al ministro Speranza se “intenda valutare la possibilità di prevedere attività di formazione di tutti gli operatori coinvolti nella tematica dei servizi, al fine di costruire un protocollo nazionale di intervento in materia di cura dei soggetti colpiti da ludopatia; se intenda fornire i dati epidemiologici in possesso delle singole regioni al fine di una corretta valutazione e di un dimensionamento del problema del gioco d’azzardo e se intenda valutare la possibilità di adottare iniziative di competenza per prevedere che i dati in possesso delle regioni vengano diffusi con cadenza semestrale”. (https://www.gioconews.it/politica-generale/69779-ruggiero-m5s-al-ministro-speranza-gap-definire-dimensioni)

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.