Livorno, gara deserta per il Caprilli. Salvetti: “Si va a trattativa privata”

225 0

Gara deserta per l’ippodromo Caprilli di Livorno. Nessuna offerta pervenuta. Per questo è durata poco più di una manciata di minuti l’asta pubblica fissata per l’affidamento in concessione del Caprilli la cui gestione, per 12 mesi, adesso, potrà essere al centro di una trattativa privata. Per partecipare al bando, pubblicato lo scorso 19 maggio, infatti, c’era tempo fino al 3 giugno. Un avviso che prevedeva un canone annuo di 80mila euro, oltre Iva, concretizzato a seguito della determina dirigenziale del 14 maggio. A fronte dei termini, però, nessuno ha concorso al rilancio dell’ippodromo. “Tutti ci dicevano ‘bravi, bisogna rilanciare l’ippica’, ma al momento di società che vogliono impegnarsi per valorizzare un patrimonio storico come il Caprilli non ce ne sono”. Sono le dichiarazioni intrise di amarezza  de sindaco di Livorno, Luca Salvetti rilasciate a GiocoNews. Ma quali sono adesso gli scenari che si prospettano?

“Come noto – ha spiegato il sindaco i bandi erano due: quello per la gestione e quello per la rifunzionalizzazione della struttura. Il secondo è stato assegnato e abbiamo già cominciato a lavorare per la riapertura. La strada da percorrere ad oggi è andare a trattativa privata; sentiremo se ci sono persone disposte a gestire l’ippodromo. I criteri del bando dovrebbero essere mantenuti, ma bisogna vedere se il mondo dell’ippica risponde. Altrimenti valuteremo altre soluzioni con l’amministrazione in prima fila. Di sicuro – ha precisato Salvetti – l’ippodromo rifunzionalizzato sarà riaperto”. I prossimi giorni, quindi, saranno cruciali per capire al meglio quale sarà la direzione che l’amministrazione intenderà percorrere per organizzare le sei giornate di corse. Nel frattempo infatti sono stati aggiudicati i lavori che consentiranno la rifunzionalizzazione dell’impianto, interventi che riguarderanno i bagni, le docce, più gli infissi e altri lavori in muratura. Previsti anche quelli inerenti la messa in sicurezza delle luci e della pista.

La Redazione

 

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *