Misiani a Confesercenti: “Superamento codici Ateco per ristori”

77 0

Le risorse stanziate dal Recovery Fund per i progetti di rigenerazione urbana potrebbero essere utilizzate anche per il rilancio e la riconversione delle imprese di vicinato. Ad aprire alla possibilità è il viceministro all’Economia Antonio Misiani che, invitato a partecipare alla giunta di Confesercenti, ha risposto così alla richiesta dell’associazione di includere nel piano nazionale di resilienza e rilancio interventi a favore delle attività urbane, dai negozi ai pubblici esercizi.

Misiani ha inoltre assicurato che per i nuovi ristori è previsto “il superamento del criterio di selezione sui codici Ateco”, come più volte chiesto da Confesercenti. “Il nuovo meccanismo – ha spiegato il viceministro – garantirà l’inclusione di tutte le imprese che hanno subito cali significativi del fatturato annuale rispetto al 2019, in una logica perequativa che vada a favore delle realtà “che hanno ricevuto meno aiuti nel corso del 2020 o non ne hanno ricevuti affatto” (https://www.confesercenti.it/blog/il-viceministro-misiani-incontra-la-giunta-nazionale-confesercenti/). Del resto Confesercenti aveva da subito espresso la propria perplessità sull’utilizzo dei codici Ateco come criterio di selezione. “Il metodo del codice ATECO è una chiara ed evidente distorsione da “subire” per migliaia di imprenditori che contribuisce a rendere poco chiara ed ancora più difficile la fase della cosiddetta ripartenza – dichiarava qualche giorno fa il presidente provinciale Raffaele Esposito – continuare ad utilizzarlo vuol dire lasciare migliaia di imprese nell’incertezza normativa, visto che possono avere un codice di attività ‘prevalente’ che non corrisponde alla totalità dei servizi offerti”.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *