Nasce #Astro4Her per la sostenibilità e la parità di genere

148 0

“È ormai consolidata la presenza femminile all’interno del settore del gioco pubblico, integrata in ogni ambito lavorativo. Come in tutti gli altri settori, permangono però le note difficoltà che le donne riscontrano sia nelle opportunità di accesso al lavoro che nel loro coinvolgimento nei ruoli di responsabilità”. E’ quanto si legge in una nota a firma delle fondatrici del tavolo permanente #Astro4Her, Silvia Taraddei (As.Tro), Imma Romano (Codere), Barbara Bottai (Ricreativo B), Rosa Di Leva (Microgame), Claudia Cicoria (Snaitech) ed Elisabetta Gregni (Novomatic).

“Restano infatti molte differenze, a livello di prospettive di carriera, qualificazione professionale, formazione e parità retributiva e, malgrado esista un impianto normativo che tutela la parità, la strada da percorrere è ancora lunga. La parità di genere, stabilita a livello formale, si scontra, purtroppo, con stereotipi culturali duri da sradicare. Il tavolo permanente di #Astro4Her è nato proprio per creare un luogo d’incontro in cui sviluppare il tema della parità di genere, declinato all’interno delle dinamiche del nostro settore, facendo tesoro dell’esperienza e delle testimonianze delle donne che, nel corso di questi anni, sono riuscite a conquistarsi ruoli di responsabilità e di ascolto nei rispettivi contesti lavorativi.

Si tratta quindi – prosegono le fondatrici – di mettere in campo una sinergia che consenta di esprimere quel potenziale valore aggiunto che il “punto di vista” femminile è in grado di mettere a disposizione del settore del gioco in tutte le sue articolazioni. Il lavoro si concentrerà, almeno nella sua fase iniziale, sul contributo all’elaborazione di strategie comunicative nonché di ricerca, anche comparativa, dei diversi sistemi preordinati all’attuazione del principio della parità di genere in ambito europeo e, per quanto riguarda l’ambito nazionale, attraverso l’analisi di come gli altri settori economici del Paese affrontano questo tema prioritario, tenuto anche conto che la parità di genere rappresenta uno degli obiettivi del PNRR all’interno del quale sono previsti rilevanti stanziamenti.

Si tratta di un’operazione che è parte integrante dei più ampi obiettivi che il nostro settore deve porre al centro delle sue priorità: la sostenibilità e la normalizzazione ove con quest’ultimo termine si intende il perseguimento di un più efficace “accreditamento” agli occhi dell’opinione pubblica. Il ruolo delle donne troverà inoltre una spazio determinante nell’elaborazione e nella promozione del “gioco responsabile e sostenibile”, che è parte integrante del nuovo “accreditamento” sociale e politico del nostro settore.

Per questa attività di elaborazione, il nostro tavolo permanente avrà anche il vantaggio di potersi avvalere del Centro Studi ASTRO, nell’ambito del quale è già in corso una fase di rinnovamento mediante l’ulteriore inserimento di professionalità ampiamente competenti e qualificate”, conclude la nota.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.