Nel 2020 scommessi 2,2 mln di euro per ogni partita della Nazionale

374 0

Nel 2020 le 8 partite della Nazionale A maschile hanno prodotto una raccolta media dalle scommesse sportive per evento pari a quasi 2,2 milioni di euro (con un gettito erariale pari a 0,07 milioni), in confronto agli 0,1 milioni prodotti dalla Nazionale di basket e agli 0,05 di quella di rugby.

E’ quanto si legge sul Rapporto di attività 2020 pubblicato oggi dalla FIGC, processo di reporting annuale nato nel 2015 e sviluppato attraverso la redazione di specifici Rapporti di attività da parte delle diverse ‘aree di funzione’ della Federazione. Il documento si inserisce in un più generale programma orientato al raggiungimento dell’obiettivo di good governance, al fine di costruire un dialogo interno costante tra aree e funzioni.

Sul fronte della lotta al match fixing, la FIGC, nel 2020 ha proseguito nel suo impegno per la tutela dell’integrità delle competizioni. Nel Consiglio federale del 24 febbraio 2020 è stato annunciato  l’ulteriore ampliamento del raggio di azione della Federazione per quanto concerne la  promozione e l’educazione alla legalità, attraverso la definizione di una collaborazione con Sportradar (realtà multinazionale attiva nel settore del contrasto al match-fixing, già partner di FIFA, UEFA e delle più importanti Federazioni e Confederazioni calcistiche e sportive nel mondo), finalizzata alla realizzazione di programmi di formazione contro i rischi connessi alla corruzione e alla manipolazione delle partite.
La Federazione, insieme con SportRadar, ha continuato quindi l’attività di organizzazione di incontri finalizzati alla sensibilizzazione sui temi dell’integrità nel calcio e della lotta alla corruzione e manipolazione delle partite. Tanto nei mesi del lockdown, quanto alla ripresa delle attività, l’attenzione sui temi dell’integrità è rimasta alta e prioritaria nelle agende federali. Gli incontri, che rientrano all’interno del progetto “I play BETter”, promosso e organizzato nell’ambito delle iniziative finanziate anche con il contributo del programma HatTrick della UEFA, hanno visto coinvolti nel corso dell’anno giocatori e staff della Nazionale Under 21, della Nazionale Under 20 e della Nazionale di Futsal nonché i direttori di gara di CAN A, B e C per un totale di circa 300 persone (tra atleti, dirigenti, allenatori/staff ed arbitri).
Oltre a spiegare le dinamiche di approccio dei manipolatori, è stato fornito un quadro dei casi più recenti che a livello internazionale hanno portato a squalifiche e sanzioni per società e tesserati. Infine, è stata richiamata l’attenzione sulla conoscenza delle regole sportive e statali che, specie nel nostro Paese, regolano in maniera puntuale e stringente il tema delle scommesse e del contrasto alla corruzione. Le attività sopra descritte sono inserite in un programma a medio termine che la FIGC sta portando avanti, volto a coinvolgere tutti i target del mondo calcistico, coprendo il quadro delle attività che riguardano sia gli atleti in campo, che gli addetti ai lavori fuori. A tale riguardo, sono già previsti per il prossimo periodo ulteriori incontri che saranno rivolti a tutte le Nazionali maschili e femminili (giovanili e senior) e ad altri soggetti che operano nel mondo del calcio (dirigenti, allenatori, ispettori, ecc…). https://www.pressgiochi.it/figc-nel-2020-scommessi-22-mln-di-euro-per-ogni-partita-della-nazionale/92015

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *