Ok riordino incentivi alle imprese, particolare attenzione al Mezzogiorno

113 0

Il Consiglio dei Ministri del 26 maggio 2022, su proposta del Ministro per il Sud e la coesione territoriale Mara Carfagna e del Ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, ha approvato un disegno di legge che introduce una delega al Governo per la definizione di un sistema organico degli incentivi alle imprese. In particolare, il disegno di legge ha l’obiettivo di recuperare efficienza e di incrementare gli investimenti, attraverso tre soluzioni attuative per:

– il migliore governo della politica industriale;

– il coordinamento e la razionalizzazione degli aiuti rispetto alle finalità incentivanti;

– la massima semplificazione, uniformità e conoscibilità del sistema degli incentivi

Tali decreti puntano a “definire un sistema organico di regole per l’attivazione del sostegno pubblico a favore delle imprese, previa ricognizione delle misure esistenti, anche mediante abrogazione, sistematizzazione e semplificazione” delle norme e “attraverso l’adozione di nuove misure, anche con riguardo al sistema degli incentivi alle imprese del Mezzogiorno”.

Particolare rilievo è attribuito all’uso delle tecnologie più innovative e all’interoperabilità dei dati, che rappresentano il presupposto dell’ottimizzazione del quadro complessivo.

Il decreto prevede anche il potenziamento e un maggior coordinamento sinergico di strumenti esistenti tra i quali il Registro nazionale degli aiuti di Stato e la piattaforma telematica “Incentivi.gov.it”. Strumenti che hanno l’obiettivo di far conoscere l’offerta degli incentivi disponibili in maniera organica e completa.

I decreti delegati istituiranno una cabina di regia al fine di garantire l’integrale e coerente attuazione della nuova disciplina, di individuare eventuali ulteriori fabbisogni di intervento, compreso il coordinamento dinamico tra strumenti di incentivazione nazionali e regionali, nonché di verifica delle peculiari esigenze delle misure destinate al Mezzogiorno rispetto all’impianto incentivante nazionale.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.