Orlando: “Ristori, dobbiamo procedere rapidamente”

165 0

“Fino a qui gli interventi hanno contenuto un disagio che è fortissimo e di cui ci rendiamo conto e ciò che è successo ieri (scontri a Montecitorio, ndr) mi fa capire che dobbiamo procedere rapidamente ad interventi di ristori”. A dichiararlo ai microfoni di Rtl è il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, all’indomani della manifestazione romana degenerata i duri scontri tra ristoratori e forze dell’ordine.

“La ripartenza troverà una condizione economica che non sarà quella di un equilibrio adeguato rispetto all’andamento delle imprese e quindi credo che una situazione di supporto alle imprese sarà ancora necessaria a tutte le attività, soprattutto a quelle legate alla socialità, al tempo libero, a quelle che vedono più persone stare insieme e quindi correre rischi più forti di contagio. La cosa importante – sottolinea Orlando – però è procedere il più rapidamente possibile con la vaccinazione, quella è l’unica vera strada, tutti gli altri discorsi della riapertura in sicurezza scontano sempre un margine di rischio molto grande, la vera sicurezza che ci permette di parlare di normalità, passa attraverso l’accelerazione della vaccinazione”.

Con riferimento poi a chi supportato e a tratti fomentato gli scontri di Montecitorio il ministro ha dichiarato: “Il problema è che, in quel disagio, si inserisce anche chi cerca di strumentalizzare la situazione, c’è bisogno di intervenire anche per evitare che questo produca guai più grossi alla tenuta democratica”. Quanto all’ipotesi di riaprire alcune attività fin dal 20 aprile, Orlando è netto. “Penso che sia sbagliato deprimere le persone, ma anche alimentare aspettative che poi non si realizzano, penso che adesso dobbiamo vedere i primi impatti della vaccinazione e quanto può incidere effettivamente sulla mortalità. Credo poi che sia giusto fare delle valutazioni ad ogni step e capire quali sono gli adeguamenti che si possono fare. Dividersi tra chi vuole aprire e chi vuole tenere chiuso mi sembra un esercizio abbastanza stupido, lavoriamo tutti quanti perché da qui a qualche settimana la vaccinazione abbia raggiunto gli obiettivi più ambiziosi possibili”. 
In materia di lavoro, alla luce del Rapporto Istat sulla competitività delle imprese, fresco di pubblicazione, il ministro sottolinea: “Bisogna innanzitutto lavorare su una riforma degli ammortizzatori sociali perché dobbiamo dare anche alle imprese che attraverseranno ancora mesi difficili, degli strumenti per gestire la crisi e poi sulle politiche attive del lavoro. Abbiamo una crisi che non è dovuta solo al calo del Pil, ma che è dovuta anche in molti ambiti, alla difficoltà di incrociare la domanda e l’offerta di lavoro e ci stiamo lavorando perché ritengo che siano priorità assoluta”.  (https://www.gioconews.it/politica-generale/67175-orlando-ministro-lavoro-supporto-ad-attivita-piu-legate-a-socialita)

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *