Piemonte, Cerutti (Lega): “Legge sul gioco salva posti di lavoro e un settore presidio di legalità”

114 0

E’ iniziata la campagna elettorale in Piemonte si continua a discutere, più che mai, della legge regionale sul gioco d’azzardo. A farlo è il leghista Andrea Cerutti: “A un anno dall’approvazione della legge 19 del 2021 sul gioco lecito prendiamo ancora atto dei tentativi del Pd e delle opposizioni di cambiare una norma di giustizia condivisa da tutte le forze in maggioranza in Consiglio regionale. La demagogia delle minoranze vorrebbe sovvertire la volontà dell’assemblea legislativa di tutti i piemontesi coinvolgendo in maniera strumentale consigli comunali amici o promuovendo raccolte firme, provvedimenti che si pongono al di fuori del perimetro istituzionale in cui quel testo venne discusso e approvato. Un testo che è stato approvato per salvare non meno di 5mila posti di lavoro legali e per salvare un settore presidio di legalità che altrimenti, come dimostrano le statistiche, sta sempre più scivolando verso le tenebre di un web sommerso che le scelte di Chiamparino e soci hanno incentivato. Parlare oggi di Far West dell’azzardo – aggiunge Cerutti – è una menzogna senza fondamento, come dimostrano i numeri: le riattivazioni si sono infatti fermate al 31 dicembre dello scorso anno, quasi otto mesi fa. Alle donne, agli uomini, agli onesti che hanno scelto nel diritto di investire sul gioco lecito possiamo piuttosto garantire che fino a quando la Lega sarà architrave di questa maggioranza la legge 19 del 2021 non verrà mai cambiata. Perché noi difendiamo i posti di lavoro e al contempo garantiamo inediti ed efficaci strumenti di prevenzione alla ludopatia. Tutte cose che la sinistra non ha mai fatto, pur restando cinque anni al governo della regione”.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.