Slot machine e camorra: confische per 300 mila euro a Maddaloni

61 0

Automobili, ditte individuali e beni strumentali, tra cui 127 slot machine, per un valore di 300mila euro: è quanto confiscato da Polizia di Stato e Guardia di Finanza di Caserta ai fratelli Marciano, di 47, 46 e 27 anni, su disposizione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Noti imprenditori nel settore del gioco d’azzardo, la loro famiglia è ritenuta vicina al clan di camorra Belforte, attivo nella stessa provincia, nella zona di Marcianise. I decreti di confisca, emessi dal Tribunale di S. Maria Capua Vetere – Sezione per l’applicazione di misure di prevenzione, sono stati eseguiti dagli agenti della Divisione Anticrimine della Questura di Caserta e della Compagnia della Guardia di Finanza di Marcianise,

“Nel comune di Maddaloni e nelle aree limitrofe gran parte delle attività commerciali avevano al loro interno le slot machine della famiglia Marciano: un monopolio, ritengono gli inquirenti, conquistato a suon di minacce ed estorsioni, con dei prestanome ai vertici delle loro aziende come copertura. Per questi motivi, nel maggio del 2018, la Direzione distrettuale antimafia di Napoli aveva disposto il carcere come misura cautelare per Pasquale e Giuseppe Marciano. Le accuse erano di illecita concorrenza con minaccia e violenza, estorsione, intestazione fittizia di beni le accuse a loro carico, tutte aggravate dal metodo mafioso.

Un anno più tardi, il 18 aprile 2019, lo stesso tribunale sammaritano aveva ordinato un sequestro nei confronti della loro famiglia, dopo indagini patrimoniali condotte da Guardia di Finanza e Polizia. A questo, fa seguito l’ultimo provvedimento di confisca: tre decreti, uno per fratello, per assottigliare un patrimonio frutto dell’illegalità” (https://www.fanpage.it/napoli/slot-machine-della-camorra-a-maddaloni-confische-per-300mila-euro-a-imprenditori-vicini-a-clan/).

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *