“Stano c’è”. Dall’oro olimpico all’oro mondiale si riconferma campione indiscusso di marcia

443 0

E’ passato un anno dall’oro olimpico e Massimo Stano conquista anche l’oro mondiale entrando definitivamente nella storia della marcia. Dalla 20 km di Sapporo, alla 35 di Eugene, il poliziotto di Palo del Colle si riconferma protagonista indiscusso, mettendosi alla prova con un nuovo obiettivo: i 35 km!Dietro di lui, in una gara all’ultimo respiro, senza tregua, il giapponese Masatora Kawano. Per l’Italia è la prima medaglia d’oro ai Mondiali all’aperto dopo diciannove anni: l’ultimo a riuscirci è stato Giuseppe Gibilisco nell’asta a Parigi 2003.

Emozionanti gli ultimi metri di gara, in cui Stano ha deviato per prendere il tricolore e allo stesso tempo tenere a bada il rivale ormai boccheggiante, poi l’ultimo sforzo per tagliare il traguardo, succhiarsi il dito in onore della figlia Sophie e avvicinarsi a Kawano per sincerarsi della sue condizioni. Per Stano c’è anche il record italiano di 2h23’14”. Sul podio oltre al giapponese lo svedese Perseus Karlstrom, bronzo.

“Volevo dimostrare a tutti che Tokyo non è stato un caso” dice il campione mondiale subito dopo la fine della 35 km. “Stano c’è, il mio allenatore Parcesepe c’è. Ho dato più di quello che avevo, non mi erano rimaste più energie, il giapponese non si staccava, ho dovuto dare tanti cambi di ritmo. Non poteva che finire così, scusate se sono arrogante”. L’azzurro è nella leggenda della marcia, nessun azzurro aveva mai fatto la doppietta Olimpiade-Mondiali imbattuto. Stano è anche l’unico ad essersi confermato tra le cinque medaglie d’oro italiane di Tokyo. L’unica assente per infortunio era Antonella Palmisano, a cui l’amico e compagno di squadra ha fatto una dedica a fine gara.

La Redazione

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.