ultime notizie

Attualità, Gaming

Spagna, la Corte Suprema annulla alcune restrizioni del decreto sul gioco d’azzardo

Attualità, Attualità e Politica

Bari, Conte: “Dove ci sono zone grigie non ci può essere il Movimento 5 stelle”. Fuori dalla giunta

Attualità

Guerra. WSJ: “Israele si prepara a un attacco dell’Iran in 24-48 ore”.

Attualità, Attualità e Politica

Bruxelles, ok definitivo dell’Eurocamera al nuovo Patto di migrazione e asilo.

Attualità, Gaming

Romania, vietato gioco d’azzardo nelle città con meno di 15mila abitanti.

Attualità, Attualità e Politica

Puglia, arrestato l’ex ass. Alfonso Pisicchio. Bufera nel centro sinistra. Conte a Bari

Slot machine, macchinette saranno dimezzate

Verso accordo anche su distanza da luoghi sensibili

Si profila un’intesa tra governo, Comuni e Regioni in tema di revisione sui giochi, in particolare per le slot. I dubbi degli enti locali su un testo predisposto dall’esecutivo a febbraio sono venuti meno nella Conferenza Unificata che è stata preceduta da un tavolo tecnico che si è svolto ieri. L’intesa definitiva dovrebbe arrivare in una Conferenza Straordinaria in calendario la prossima settimana. Tra le novità, al fine di prevenire e contrastare il gioco d’azzardo patologico: la distanza minima delle rivendite tabacchi o sale gioco di 150 metri da scuole, luoghi di culto e SerT; l’interruzione del funzionamento per 6 ore al giorno; l’agevolazione di controlli amministrativi e di polizia; l’attenzione a elementi di rischio come ‘l’indice di presenza mafiosa’. Previsto infine anche obbligo dell’utilizzo della tessera sanitaria per l’attivazione di apparati on-line. Nei prossimi 3 anni si prevede il dimezzamento dei punti vendita abilitati, pari al momento a circa 98mila.

Gori (Anci): fatto passo avanti, fra 3 anni metà macchinette – “Sono soddisfatto perché l’intesa molto probabilmente ci sarà la prossima settimana e questo è un grosso passo avanti, ma mi piace sottolineare il fatto che il governo sulla vicenda giochi abbia colto punti importanti che comuni e regioni avevano già da tempo segnalato. Tra questi la distanza dai luoghi sensibili e la facoltà da parte degli enti locali di interrompere l’attività delle cosiddette macchinette”. Così il sindaco di Bergamo e delegato Anci per il settore giochi, Giorgio Gori, ha commentato al termine della Conferenza Unificata di oggi l’andamento della trattativa con il governo sul riordino dei giochi.

Lo Staff: CifoneNews

Condividi

Articoli correlati

Video